Cannone ad acqua a Woodvale
Pochi giorni dopo l’utilizzo dei cannoni ad acqua a North Belfast, per sedare i disordini, il ministro degli Interni britannico Theresa May ha vietato il loro utilizzo per il controllo della folla in Inghilterra e Galles.

Parlando a Westminster Theresa May ha detto ai parlamentari di aver pensato molto alla questione ma che non intende autorizzare l’uso dei cannoni ad acqua per il controllo delle persone. Scotland Yard ha acquistato tre cannoni ad acqua Wasserwerfer 9000 di seconda mano dalla polizia tedesca da un costo di oltre 280mila euro.

Il sindaco di Londra, il conservatore Boris Johnson, aveva appoggiato la mossa anche se le autorità di polizia non avevano ricevuto la necessaria autorizzazione dell’Home Office.

Theresa May ha riferito ai parlamentari che “prove mediche e scientifiche suggeriscono” che garantire alla polizia i poteri di impiegare i cannoni ad acqua “potrebbe provocare gravi ferimenti”.

Questo nonostante in Irlanda del Nord l’uso dei cannoni ad acqua sia stato introdotto sin dal 2005.

“Questo paese ha una gloriosa storia di polizia per consenso e questa è una decisione che va al suo cuore”, ha detto la signora May.

“Da quando sono diventata ministro degli Interni sono stata determinata a fornire alla polizia i poteri e gli strumenti di cui hanno bisogno per ridurre la criminalità e contrastare il disordine nelle nostre strade.

“Ma dove le prove mediche e scientifiche suggeriscono che tali poteri potrebbero causare gravi danni, dove il sistema di funzionamento non è chiaro e dove il principio storico di polizia per consenso potrebbe essere messo a rischio, non voglio dare il mio consenso.

“La domanda di autorizzazione per l’utilizzo del cannone ad acqua Wasserwerfer 9000 non soddisfa il raggiungimento di questa soglia alta”, ha aggiunto.

Secondo Theresa May le prova mediche indicavano rischi indiretti causati dall’uso dei cannoni ad acqua, comprese fratture vertebrali, ferite agli occhi e traumi contusivi, aggiungendo che “nelle aree con storie di disagio sociale o di diffidenza verso il cannone ad acqua, potrebbe essere totalmente controproducente”.

La gestione della polizia in Scozia è stata passata all’assemblea scozzese che dovrà decidere se utilizzare i cannoni ad acqua sul territorio.