ETA | Euskadi Ta AskatasunaIl gruppo separatista basco di ETA, che ha dichiarato una tregua delle operazioni militari questo mese, ha chiesto una mediazione internazionale per far cessare uno dei più lunghi conflitti in Europa. Il comunicato viene riportato dal quotidiano basco Gara.

ETA, il cui obiettivo è ottenere l’indipendenza del Paese Basco formato da province situate in Spagna ed in Francia, è stato recentemente colpito duramente con gli arresti di uomini chiave e azioni concertate tra le polizia di Spagna, Francia e Portogallo per recuperare ingenti quantitativi di armi.

Il comunicato di ETA chiede alla comunità internazionale “di premere e partecipare all’organizzazione di un processo democratico che porti ad una soluzione democratica e permanente a secoli di conflitto politico”.

Il 5 settembre il gruppo ha indetto un cessate-il-fuoco unilaterale, ma non ha fornito ulteriori dettagli sulla durata o sui piani di disarmo, cosa che ha portato il governo spagnolo dal respingere l’annuncio. “ETA ha dispiegato le vele sulla rotta di ottenere una soluzione democratica del conflito e ha fatto la prima mossa senza gettare l’ancora. E’ pronta a navigare in acque ancora più profonde”, prosegue il comunicato.

ETA invia le sue lunghe comunicazioni sono ad alcuni quotidiani in lingua basca, utilizzando liberamente metafore per descrivere le proprie azioni. Il ministro degli Interni spagnolo ha rifiutato di commentare il comunicato. Il principale leader dell’opposizione, Mariano Rajoy, durante un incontro nel sud della Spagna ha detto che “non è abbastanza”.

“L’unico comunicato che siamo interessati a ricevere da ETA è quello che dice che si stanno smantellando e interrompono per sempre la propria campagna (armata)”, conclude Rajoy.