di René Querin

ETA Bietan JarraiIl gruppo armato indipendentista basco Euskadi Ta Askatasuna (ETA) ha annunciato l’ipotesi di un possibile disarmo durante l’intervista rilasciata al quotidiano Gara.

In cambio l’organizzazione chiede un’amnistia per tutti i suoi membri e il “ritorno a casa di tutti i prigionieri ed esiliati politici baschi” detenuti nelle carceri di Spagna e Francia.

Il gruppo armato, dopo aver annunciato tre settimane fa la fine della lotta armata, chiede l’avvio di un negoziato tra Francia, Spagna ed il collettivo dei suoi detenuti.

“Deporre le armi fa parte della nostra agenda e l’ETA è disposta a prendere degli impegni”, si legge nell’intervista lunga quasi 12 pagine.

L’intervista, rilasciata da due militanti anonimi, giunge a poco più di una settimana delle elezioni politiche anticipate indette per il 20 novembre.

Le prime elezioni dalla fine del franchismo durante le quali non ci sarà la minaccia di possibili attentati dell’ETA.