ErtzaintzaIl vicepresidente del governo spagnolo, María Teresa Fernández de la Vega, ha affermato che “mentre Euskadi Ta Askatasuna continua la campagna terroristica, il governo non autorizza nessun contatto con la formazione armata”.

Non potevano essere più chiari a Madrid.

Solo quando l’ETA proclamerà la cessazione degli attentati – sono già sette le bombe dall’inizio dell’anno – il governo centrale prenderà in considerazione la piattaforma democratica di dialogo tra le parti diretta alla risoluzione del conflitto basco e avviare quindi il processo di pace e di normalizzazione.