Portadown: disordini lealisti a Corcrain StreetDiversi richiami alla calma sono giunti dalla PSNI, dall’Orange Order e dalla comunità di Garvaghy Road nel timore dell’esplodere della violenza nel periodo del 12 luglio.

Le celebrazioni orangiste dello scorso anno furono sopraffatte dalle scene violenti avvenute nell’interfaccia tra Edgarstowen-Corcrain e Obins Street. L’ispettore Phil Shepherd ha avvertito del possibile tentativo di provocare nuovi disordini.

La polizia ha incrementato la propria presenza nella zona di interfaccia tra le due comunità e l’ispettore Shepherd è giunto a conoscenza di “voci che circolano nei quartieri riguardo ai piani per nuovi disordini nel periodo del 12 luglio”.

L’ispettore ritiene sia “un sforzo concertato di acuire le tensioni”.

Ha aggiunto: “Nessuno vuol vedere un ritorno dei disordini dello scorso anno, quando le comunità hanno sofferto per le azioni di una minoranza. È nel diritto di ogni persona poter partecipare ad un evento pubblico senza il timore di finire nei disordini”.

Darryl Hewitt, Grand Master orangista di Portadown, ha affermato che “il Portadown District si appella a tutta la popolazione di Portadown affinché resti calma durante gli eventi di questa stagione. Dovrebbe essere ricordata la presenza di oltre 6.000 persone nel centro cittadino sabato scorso per l’inaugurazione dell’obelisco per il centenario dell’Ulster Covenant, che ha portato ad avere un evento di grande successo, ben realizzato e senza incidenti. Ci appelliamo a tutti perché resistano alla tentazione, se presente, di farsi coinvolgere in disordini di qualsiasi genere”.

L’ispettore Shepherd ha rilasciato la propria dichiarazione dopo una serie di eventi avvenuti la scorsa settimana che hanno sottolineato la divisione di Portadown.

Il più lampante è stato il bonfire (falò commemorativo) di Edenderry che è stato incendiato lunedì delle scorsa settimana. I due giovani ritenuti responsabili per aver appiccato il fuoco sono stati costretti a lasciare il paese.

Una grande foto di uno dei presunti incendiari è stata messa in cima alla nuova catasta di legna con le parole “Brucia, bimbo, brucia” scritte sotto di essa. Centinaia di persone hanno aprtecipato all’accensione di lunedì sera.

Sabato, dopo che l’Arco di Parkmount (il luogo da cui partono le parate orangiste, Ndt) è stato eretto nella zona abitata in maniera principale dai nazionalisti, quattro bandiere lealiste sono state rimosse e sostituite dal tricolore irlandese, che ha portato all’intervento della polizia e al ripristino delle bandiere originarie.

Martedì, dopo l’esposizione di una bandiera dell’Unione accanto alla bandiera consiliare di Portadown – non eretta dal consiglio comunale – i politici dello Sinn Fein hanno sporto denuncia alla Commissione per l’Uguaglianza, che ha disposto la rimozione del vessillo, poi rimpiazzato nuiovamente la notte stessa.

L’ispettore Shepherd ha detto che la sua squadra continuerà a lavorare con le differenti comunità, facendo appello alla gente di “operare insieme alla polizia per assicurarsi che gli eventi di quest’anno vengano ricordati per le giuste ragioni”.