Il finanziamento aggiuntivo di 800 milioni di sterline potrebbe essere perso se l’Assemblea nordirlandese non riuscirà a trovare un accordo sul trasferimento dei poteri di polizia e giustizia

Stormont | BelfastI piani per una nuova scuola di addestramento della polizia e altri impegni per la comunità saranno cancellati se i parlamentari si opporranno ai piani di trasferimento dei poteri da Londra a Belfast. Lo comunica il Segretario di Stato Shaun Woodward.

I poteri di polizia e amministrazione della giustizia saranno trasferiti il 12 aprile, se una risoluzione condivisa scritta dal primo ministro e dal vice primo ministro riceverà il sostegno di tutti i partiti nella votazione della prossima settimana.

Ma l’Ulster Unionist Party ha promesso di opporsi alla mossa.

Woodward afferma: “Quando i membri dell’Assemblea si presenteranno in aula martedì prossimo non solo avranno la responsabilità di assicurare la tenuta del processo di pace ed il proseguimento delle istituzioni politiche. Gli 800 milioni aggiuntivi resi disponibili dal primo ministro per il nuovo minister della giustizia non saranno disponibili (senza un voto favorevole).

“Il comandante della polizia (Matt Baggott) ha fatto alcune ipotesi di spesa con il Policing Board da fare in Irlanda del Nord negli anni a venire.

“Quelle ipotesi sono fondamentalmente basate sull’ottenimento degli 800 milioni di sterline aggiuntive”.

Ha detto che non ci sono problemi a prendersi i rischi della sicurezza – con l’aumento della minaccia dei repubblicani – ma ha avvertito che ci saranno problemi per l’ordine pubblico nelle comunità.

“Dovrebbero spiegare alla gente perché on ci sono soldi aggiuntivi per far fronte a tutte le questioni che sorgono”, ha aggiunto.

L’UUP è stato l’unico partito a boicottare il rilascio pubblico dell’Accordo di Hillsborough Castle.

Il leader del partito Sir Reg Empey ha detto di “riservare il giudizio” sull’accordo voluto da DUP e Sinn Fein, dopo aver riferito di essere stato tenuto all’oscuro durante i lunghi colloqui.

Il mese scorso Empey ha avvertito che il suo partito non avrebbe firmato l’accordo fino a quando non ci fosse stato un “consenso” per risolvere il dibattito sulla scuola.

E’ stato anche profondamente critico su quello che chiama “la natura disfunzionale dell’Esecutivo”.