di Andrea “Aska” Varacalli, Belfast

Continua lo spinning dello Sinn Fein per ingaggiare la leadership del 32Csm. Ma Marian Price smentisce Gerry Kelly: “l’incontro non ci sarà”

Marian PriceGiro di due lettere private tra Gerry Adams e Marian Price. Il partito di Sevastopol street ha tentato attraverso una laboriosa operazione di spinning, la conquista emotiva dei familiari dei “Pows repubblicani detenuti a Maghaberry”.

Gerry Adams, nella lettera concretizza letteralmente il dovuto status politico dei prigionieri repubblicani. Dunque non più micro-gruppi, o delinquenti comuni, come I suoi colonelli hanno recitato in coro per anni: ma “Pows detenuti a Maghaberry”.
Nero su bianco, firmato dal leader dello Sinn Fein.

L’Irpwa, l’associazione che segue i Pows repubblicani, ha immediatamente girato la lettera ai familiari e come mi ha spiegato questa mattina Marian Price “siamo pronti ad ascoltare quali iniziative e suggerimenti lo Sinn Fein è disposto a fornire per tutelare quei ragazzi detenuti nelle prigioni britanniche”.

Sul fronte politco, invece,la deriva nazionalista dello Sinn Fein, o la modernizzazione dei principi repubblicani come loro preferiscono spiegare, ha cozzato di nuovo sull’annosa, quanto questione madre di tutte le discussioni, cioé la sovranità nazionale irlandese.

Un primo tentativo d’ingaggio tra Adams e la leadership del 32CSM era avvenuto nel 2005 ma rivelatosi fasullo durante gli incontri del Conway, Toome Bridge e Derry; giunto proprio in coincidenza con un documento di Francie Mackey che catalizzava il desiderio di autodeterminazione nazionale e denunciava la violazione dello Sinn Fein sui principi costituzionali, politici e storici alla base della tradizione repubblicana, firmati nei trattati per l’amministrazione di Stormont. Oggi “ci troviamo dinanzi alla stessa situazione – ha fatto brillare Marian Price – con lo Sinn Fein che riconfeziona l’ennesimo spin“.

Il 32csm spiega nella replica a Gerry Adams, che non ha nessuna intenzione e nel modo più categorico di parlare con chi ha cementificato la partizione nordirlandese attraverso la sigla sul trattato del Good Friday Agreement.

Nel corso della mattina, Gerry Kelly aveva annunciato una delegazione per un imminente incontro con la leadership del 32Csm. Rapidamente smentita da Marian Price, l’incontro non ci sarà. Botta e risposta franca, senza giri di parole, dunque ma con una novità importante e con cui ho aperto questo rapido pezzo dopo l’incontro con Marian Price.

Gerry Adams ha riconosciuto i detenuti repubblicani come “Pows”. Un passo avanti quindi è stato fatto, almeno come in un romanzo epistolare, dell’accettazione politica dello Sinn Fein verso lo status negato da Londra.

Entrambi i documenti, visti e letti da chi scrive, non sono in possesso per il momento della stampa nazionale ne internazionale. La residenza dell’attivista repubblicana continua ad essere sotto stretta sorveglianza.