Maghaberry PrisonUn rapporto ha trovato ancora delle lacune nel modo in cui il servizio carcerario in Irlanda del Nord gestisce i prigionieri vulnerabili, in particolare a Maghaberry, il carcere nei pressi di Lisburn.

Il rapporto è stato compilato su richiesta del ministro della Sicurezza nordirlandese Paul Goggins.

Dimostra che mentre alcuni cambiamenti positivi sono stati fatti, il regime quotidiano per i prigionieri vulnerabili è cambiato di poco rispetto alla precedente ispezione di gennaio.

L’ispezione per verificare le negligenze carcerarie fu ordinata dopo la morte di Colin Bell avvenuta nel carcere di Maghaberry ad agosto 2008.

Aveva riscontrato incoerenti giudizi e scarso monitoraggio dei prigionieri a rischio.

Ha registrato i progressi fatti dal Northern Ireland Prison Service nell’implementazione delle raccomandazioni fatte a gennaio 2009 dal Prisoner Ombudsman for Northern Ireland nel suo rapporto sulla morte in custodia di Colin Bell.

Michael Maguire, ispettore capo del Northern Ireland Criminal Justice, dice che il Prison Service ha eseguito le azioni necessarie per ridurre il rischio di suicidi nelle celle del carcere.

“Il personale è stato messo a conoscenza dei problemi scaturiti dalla morte di Colin Bell, sono stati introdotte delle squadre per la custodia in sicurezza (dei prigionieri) ed è stato migliorato l’addestramento.

“Eppure, nonostante queste attività favorevoli, questo rapporto mostra una differenza tra le intenzioni del Prison Service e l’esecuzione sul terreno di significativi risultati per i prigionieri, specialmente a Maghaberry, dove si trova la maggioranza dei prigionieri a rischio”, ha proseguito Maguire.

Il regime quotidiano dei prigionieri a rischio – secondo l’ispettore – è cambiato poco dall’ispezione di gennaio 2009 della prigione di Maghaberry.