Psni antisommossaE’ finito con il lancio di bottiglie e pietre l’ennesimo scontro sull’interfaccia ‘calda’ tra Ardoyne e Twaddell, a North Belfast.

Al termine della partita, trasmessa in televisione, tra Celtic e Rangers Glasgow, due gruppi di giovani si sono affrontati, per l’ennesima volta nelle ultime settimane.

Durante gli scontri è comparsa sulla scena la Psni in assetto antisommossa, ma gli agenti non sono intervenuti perché, grazie all’appoggio di membri delle due comunità, i disordini sono terminati.

Il traffico nella zona è stato deviato.

Questo è solamente l’ultimo dei tanti scontri avvenuti nelle ultime settimane nell’interfaccia tra Ardoyne e Twaddell, costringendo all’intervento alcuni politici della zona.

Lunedì notte cinque abitazioni della comunità protestante sono state assalite da un uomo che ha rotto le finestre di due case.

Un ventenne è stato fermato in seguito a questo attacco e comparirà davanti al giudice nel Tribunale di Belfast.

Con l’ultimo scontro nell’interfaccia sono saliti ad oltre 70 gli incidenti che hanno coinvolto rappresentanti delle due comunità, a partire da aprile 2007.

“La gente che abita in queste comunità – dice Gerry Kelly dello Sinn Fein – vorrebbe vivere tranquilla senza questo genere di problemi”.
Il responsabile della sicurezza per il partito di Adams ricorda che “gli attacchi contro le abitazioni dei protestanti sono da bollare come settari, tanto quanto gli attacchi contro le case dei cattolici”.

La zona è controllata dalle telecamere a circuito chiuso ma questo espediente non sembra interrompere la violenza nell’area.

La polizia non riesce a prevedere gli scontri, nonostante l’impiego delle telecamere e molti operatori delle associazioni operanti nell’interfaccia si chiedono “perché non viene prevenuta la violenza e non si fanno i dovuti arresti?”.

Gli operatori chiedono che non siano chiusi i canali di comunicazione tra le due comunità, specie in momenti difficili come questi.

Padre Aidan Troy, della Holy Cross, ha rivelato che la chiesa è stata attaccata con bottiglie, mattoni e pietre lo scorso mercoledì sera.