Il leader dello Sinn Fein Gerry Adams a accusato il DUP di infrangere l’impegno di “far accettare” un accordo sulla sicurezza agli unionisti

Gerry Adams | Sinn FeinE’ l’ultimo di una serie di duri scontri verbali tra i partiti, sul trasferimento dei poteri di giustizia e polizia.

La scorsa settimana il leader del DUP, Peter Robinson, ha avvertito lo Sinn Fein che i negoziati potrebbero interrompersi qualora i repubblicani facessero uso di “ricatti”.

Entrambi i partiti hanno incontrato il primo ministro Gordon Brown sabato a Londra.

Lo Sinn Fein vuole il trasferimento dei poteri su polizia e giustizia il più presto possibile.

Invece il DUP ha collegato la mossa ad una serie di concessioni ritenute necessarie per costruire la fiducia tra gli unionisti.

Di nessun aiuto

Il presidente dello Sinn Fein stava parlando ad un evento in Canada, quando ha criticato sia il governo britannico che il DUP.

Ha affermato che il governo non era “di alcun aiuto” e doveva impegnarsi pienamente nell’implementazione dell’Accordo del Venerdì Santo, compreso il trasferimento dei poteri da Londra.

Ha descritto gli sforzi del DUP di legare il decentramento ad altri argomenti come “inaccettabili”.

“Questo è un argomento a sé stante. Non ci sono collegamento con altre materia”, ha proseguito.

“Il DUP sta violando gli impegni presi a St. Andrews. Avrebbe anche rotto il patto fornito da Robinson due mesi fa, secondo il quale qualora il pacchetto finanziario fosse stato assicurato, avrebbe agito per farlo accettare alla comunità.

“L’approccio ostruzionistico del DUP sullo sviluppo efficiente delle istituzioni sta erodendo la fiducia della popolazione”.

Nel suo commento della scorsa settimana, Robinson ha riferito che il DUP non si piegherà al ricatto e non negozierà in un clima simile.