Andrew Parker, MI5
Il nuovo direttore dell’MI5 ha messo in guardia i repubblicani nella sua prima dichiarazione pubblica, spiegando chiaramente che lui e la sua organizzazione li hanno nel mirino.

In un discorso insolitamente duro per il capo dei servizi di intelligence, il nuovo Direttore Generale dell’MI5 Andrew Parker ha detto che intende reprimere duramente chi è coinvolto nella violenza, definendoli i “laceri resti di un tempo passato”.

Fonti di intelligence dicono che il linguaggio e le parole utilizzate, come “teppisti”, erano insolite e tale forma non sarebbe mai stata utilizzata dall’ex direttore Sir Jonathan Evans.

Durante il discorso tenuto ieri al Royal United Services Institute di Whitehall, Parker ha fatto riferimento all’omicidio della guardia carceraria David Black, avvenuto sulla M1 lo scorso 1 novembre mentre l’uomo si recava presso la prigione di Maghaberry.

Black è stata la prima guardia carceraria uccisa dai paramilitari in Irlanda del Nord in 20 anni.

Parker ha spiegato che l’MI5 è concentrato sulla “fine più oscura”.

“Diverse fazioni terroristiche restano determinate a uccidere la gente.

“Noi e il Servizio di polizia dell’Irlanda del Nord scopriamo e distruggiamo la maggior parte dei loro tentativi”, ha proseguito.

“Ma di tanto in tanto non riusciamo ad impedire la tragedia di un omicidio imprevisto, come abbiamo visto recentemente con l’assassinio di David Black”.

Ha continuato il suo duro discorso affermando che chi è coinvolto nella violenza ha poco sostegno.

Ha detto: “Rifiutando il processo politico in Irlanda del Nord, questi laceri resti di un tempo passato sono in un cul-de-sac di inutile violenza e criminalità, con poco sostegno della comunità.

“Continueremo a lavorare con la polizia per mettere questi delinquenti e assassini davanti ai tribunali penali”.

Parker ha detto che il terrorismo in Irlanda del Nord è una parte centrale del lavoro dell’MI5.

Ha osservato che proseguono le violenze da “entrambe le parti”.

Prosegue il nuovo capo dei servizi segreti: “Abbiamo ovviamente visto enormi progressi nella ricostruzione della normalità in Irlanda del Nord, nei 15 anni successivi all’ Accordo del Venerdì Santo, ma abbiamo ancora a che fare con la continuazione di episodi di violenza da entrambe le parti”.

I commenti di Parker arrivano dopo una serie di allarmi sicurezza, rivelatisi tutti inforndati, lanciati in tutta la città di Belfast. Molti residenti sono stati costretti a lasciare le abitazioni e i pendolari hanno subito importanti ritardi a causa della chiusura di strade e della cancellazione dei treni.

In altre parti del discorso Parker ha parlato della costante minaccia di al-Qaeda e di come l’MI5 continuerà a ottenere le informazioni necessaria e proteggere il Regno Unito con il miglioramento delle tecnologie.

MI5, secondo il nuovo direttore, deve essere in grado di leggere o ascoltare le comunicazioni dei terroristi per fermarli.

“In caso contrario bisognerebbe accettare che i terroristi hanno mezzi di comunicazione nascosti all’MI5” ha detto.

Parker ha detto che comprendere le capacità dei terroristi dà al servizio di sicurezza un “margine di vantaggio” – ma ha avvertito che questo margine è “sotto attacco” perle critiche sui confini del GCHQ e di altre agenzie di intelligence.