Un uomo, che ha ammesso di aver lanciato una bottiglia molotov verso la polizia durante i disordini del 12 luglio, è stato condannato a 4 anni di carcere

Riot @ Ardoyne | 12 07 2011Emmet Doherty, 21 anni da North Belfast, deve passare metà della pena in custodia e metà su licenza.

Il giudice Tom Burgess ha detto che, nonostante la bottiglia incendiaria sia esplosa a quasi 20 metri dalla polizia, era “un’arma letale capace di provocare terribili ferite”.

Doherty ha ammesso di aver partecipato ai disordini, di lancio della bottiglia molotov, di danneggiamento di veicoli della polizia e di aver incendiato un’autovettura.

L’avvocato dell’accusa, David Russell, ha riferito che durante gli interrogatori Doherty si è identificato mentre era sul tetto di un laboratorio dentistico in Ardoyne Road e da quel punto gli agenti sono stati in grado di collegarlo agli altri reati.

E’ stato spiegato in aula come Doherty era stato visto con una mazza da golf in mano e poi alla guida di una Toyota Yaris data alle fiamme dopo che era uscito dall’auto.

Joe Brolly, l’avvocato difensore, ha ricordato che senza la confessione di Doherty, sarebbe stato difficile ottenere prove per istituire un caso contro il suo cliente.

Condannando Doherty, il giudice Doherty ha spiegato che le azioni del giovane sono state “teppismo senza cervello, irrispettose della sicurezza degli altri”.