Il padre della bambina temeva che gli otto uomini entrati nella sua abitazione di East Belfast lo uccidessero di fronte alla figlia

Attacco a East BelfastChris Smallwood, 25 anni, era nella sua abitazione di Derwent Street quando è arrivata una banda di uomini a volto coperto, armati di martelli, poco dopo le 20 di lunedì.

La bambina è rimasta ferita ad un braccio, colpita da ua pioggia di vetri.

“Stava gridando impazzita” ha riferito Smallwood.

Il giovane protestante ha detto di essere diventato un bersaglio perché la sua fidanzata è cattolica. La polizia ritiene che l’attacco sia settario.

“Uno degli uomini mi ha dato 24 ore per andarmene”, ha detto l’uomo.

Clare Smallwood, la zia della bambina, racconta delle ferite della piccola.

“Ha dei tagli sul braccio e schegge di vetro sui capelli”, spiega la donna a Utv.

Il sindaco di Belfast, Niall Ó Donnghaile, ha condannato l’attacco.

“Voglio condannare i teppisti responsabili del cruento attacco contro una giovane famiglia”, illustra il sindaco-consigliere dello Sinn Fein per l’area di Pottinger.

“Sono stato in contatto con la polizia questa mattina ed è sempre più chiaro il movente settario per questo attacco.

“I miei pensieri vanno alla famiglia, che ha fatto sapere di non voler più ritornare nella loro abitazione”.

Un attacco bollato come “assolutamente terrificante” dal parlamentare Chris Lyttle.

“L’intera comunità è sconvolta dal ferimento di una bambina” afferma il rappresentante di Alliance Party.

“E’ estremamente disturbante anche che la polizia stia trattando l’incidente come settario”.

Il parlamentare SDLP di South Belfast, Alasdair McDonnell, spiega: “Condanno questo terrificante attacco e penso che azioni simili non abbiano posto nella nostra società.

“Tutti i bambini hanno il diritto di stare al sicuro nella propria casa e nella comunità”.

La polizia fa appello agli eventuali testimoni.