La PSNI ha bisogno di una solida base finanziaria almeno per i prossimi cinque anni per “perseguire inesorabilmente i terroristi”

Matt Baggott | Chief Constable PSNIIn un’intervista con il quotidiano News Letter, il comandante della polizia è chiaro: contrastare il terrorismo è un’operazione che deve essere adeguatamente finanziata.

“I miei argomenti e le discussioni con i politici sono: voi dovete darmeli (i finanziamenti) per almeno cinque anni così non darò a quelle persone la possibilità di ricreare un gruppo, riformarsi e continuare le campagne. Nessuno lo vuole”, afferma Matt Baggott.

“Ci sono abbastanza persone allo sbando che non hanno alcuna ambizione politica che non sia distruggere e spaventare la gente e sono stati molto chiari riguardo a ciò.

“La migliore e più sofisticata politica di anti-terrorismo nel mondo sarebbe concentrata su questi individui”.

In relazione ai colloqui con i repubblicani, Baggott afferma: “Credo sia materia per i politici. Persuasione è la parola che userei. Credo la persuasione sia far realizzare alla persone che sono completamente fuori luogo. Non solo sono completamente nel torto ma ciò che stanno facendo ripugna la grande maggioranza.

“Il modo per influenzare la politica è farlo attraverso l’urna elettorale. Penso quello riguardo alla persuasione. Ma il mio lavoro è di dar caccia inesorabilmente a queste persone… che stanno cercando di ucciderci e di uccidere le persone, e quindi portarli in tribunale.

“Quest’anno abbiamo già presentato formali accuse in numero tre volte maggiore rispetto all’intero anno precedente. Così, se qualcuno dubita del mio impegno e dell’abilità della PSNI nel rincorrere queste persone, guardi ai numeri. Ma non vuol dire che non abbiamo molto altro da fare perché non è così. Ma io ho già investito decine di milioni di sterline per contrastare il terrorismo”.

Il Chief Constable Matt Baggott ha negato che la PSNI si trovi vicina al punto di rottura ma è stato chiaro: serve un’adeguato finanziamento per mantenere l’attuale livello del servizio di polizia.

“Se dovessimo subire importanti tagli nelle attività di polizia, ci saranno cose che non potrò fare, sia esso affrontare il passato o implementare una politica veramente personale come vuole la gente o salvare le persone dall’industria del sesso come abbiamo fatto lo scorso fine settimana”, prosegue.

“Ho alcuni grandi dilemmi. Mi viene chiesto di affrontare il passato, il presente ed il futuro con le cifre che continuano a diminuire”.