Questo è il volto del “Soldato F”, il paracadutista britannico che uccise quattro persone innocenti nel Bogside durante il Bloody Sunday

Soldato F | F Soldier | Bloody SundayLa fotografia del soldato che sorride compiaciuto è stata scattata presso la caserma di Fort George, poche ore dopo il massacro del 1972 e mostra il caporale con il basco rosso del Reggimento Paracadutisti, con la faccia ancora annerita dalla vernice mimetica.

La foto è stata presa come una fotografia di “arresto”, perché i soldati al tempo dovevano posare per una foto accanto chi era stato arrestato.
Conosciuto nell’inchiesta di Lord Saville come “F Soldier” (Soldato F), ha ammesso di aver sparato e ucciso Michael Kelly, Paddy Doherty, Barney McGuigan e Willie McKinney.

Inizialmente negò di aver sparato a Michael Kelly dopo essere uscito da un veicolo blindato per il trasporto truppe a Kells Walk, mentre il diciassettenne disarmato di 17 anni si trovava presso una barricata di macerie in William Street.

Il caporale inizialmente disse di non aver sparato il colpo che ha ucciso l’adolescente, ma in seguito ammise di averlo fatto. Lord Saville ha stabilito nel suo rapporto che: “Siamo certi invece che abbia sparato anche se nella convinzione che nessuno presso la barricata potesse essere una minaccia di morte o di lesioni gravi, o senza curarsi o meno chiunque alla barricata fosse una tale minaccia”.

Il paracadutista quindi si trasferì in Glenfada Park, dove si ritiene abbia ucciso Willie McKinney. Proprio poco dopo, ha ucciso anche Paddy Doherty, che stava strisciando via dalla linea di fuoco nei pressi di Rossville Flats, e Bernard McGuigan, colpito a morte mentre porta un fazzoletto bianco nel tentativo di andare in aiuto di Paddy Doherty.

Si ritiene anche sia responsabile del ferimento altre quattro persone: Joe Mahon, Joe Friel, Patrick Campbell e Daniel McGowan.

Il caporale ha testimoniato in forma anonima all’inchiesta Saville nel 2003 e ha riferito che sparò 13 colpi, aggiungendo: “Sono stati uccisi uomini con armi da fuoco e bombe”. Tale affermazione è stata respinta dal rapporto di Lord Saville .

L’ ex soldato potrebbe affrontare il giudizio penale dopo che Lord Saville ha parlato di una dichiarazione che “sapeva fosse falsa”.