Lisfannon Park | © Derry Journal

Un quarantenne è stato colpito da quattro proiettili nel corso di una punizione in stile paramilitare avvenuta lunedì sera nel Bogside

Gli hanno sparato ad entrambe le gambe mentre si trovava nell’abitazione di Lisfannon Park, poco dopo le 22:15 di lunedì.

L’uomo è stato trasportato in ospedale per ricevere le cure. Le sue ferite non mettono in pericolo la vita del quarantenne.

La polizia chiede ai testimoni di farsi avanti.

Sean Carr, consigliere SDLP a Derry, ha detto che la gente della zona “è molto furibonda” per l’attacco.

“Da quello che ho appreso, un certo numero di persone a volto coperto sono entrate nell’abitazione e hanno sparato all’uomo mentre si trovava sul divano. In casa, al momento dell’attacco, c’erano anche altre persone” ha proseguito Carr.

“L’altra notte, la gente con cui ho parlato era molto furibonda per quanto avvenuto sulla soglia di casa. Dicono che chi ha compiuto l’attacco non lo sta facendo in nome loro e non rappresentano né il Bogside né Derry.

“Il messaggio della gente del Bogside agli sparatori è «toglietevi dalle nostre spalle». Qualsiasi fossero le accuse contro la vittima di questa orribile punizione, questo genere di follia non può essere giustificata. Chiedo a chiunque abbia qualche informazione di contattare immediatamente la PSNI”.

Il consigliere dello Sinn Féin, Colly Kelly, afferma: “Non c’è posto per le pistole nelle strade della nostra città. Questo è il terzo incidente nelle ultime settimane. La comunità non vuole niente del genere e i responsabili devono fermarsi”.