Nick Griffin | BNPIl British National Party ha accumulato debiti per centinaia di migliaia di sterline in Irlanda del Nord.

Il Belfast Telegraph rivela che alcune società potrebbero portare il partito in tribunale per i mancati pagamenti.

Un ex sostenitore del partito ha avvertito che piccole aziende a conduzione familiare potrebbero finire in bancarotta a causa dei mancati introiti, stimati in oltre 500.000 sterline per tutto il Regno Unito.

Un caso è già stato avanzato a marzo presso l’Alta Corte e riguardava il mancato pagamento delle spese relative alla circoscrizione di Barking a Londra, dove il leader del partito Nick Griffin era candidato.

Una società, la Newton Press, ha adito le vie legali per un conto non pagato di 10.000 sterline per servizi di stampa.

La scorsa settimana il BNP ha comunicato che pagherà tutti i debiti entro la fine dell’anno, aggiungendo che i debiti sono il risultato delle spese sostenute per le campagne elettorali europee e per Westminster.

Un ex sostenitore del BNP in Irlanda del Nord, che aspetta anche lui di essere pagato, dice di non aspettarsi di ricevere presto i soldi che gli spettano.

Jim Dowson è un raccoglitore di fondi che ha aiutato a insediare uffici del BNP in tutto il Regno Unito, Irlanda del Nord compresa.

La sua società Adlorries, che fornisce servizi promozionali e di marketing, attende di ricevere il pagamento di 160.000 sterline.

Afferma di aver già dovuto utilizzare il proprio denaro per pagare le piccole imprese legate al suo studio che sono state lasciate a secco.

“Il BNP dice di essere il salvatore dell’industria britannica e dei lavoratori britannici, ma temo che una mezza dozzina di piccole aziende a conduzione familiare, tra cui alcune in Irlanda del Nord, potrebbe andare in bancarotta perché il BNP non sono state pagate”, ha affermato.

“Siamo in recessione e i tempi sono già abbastanza difficili così come sono. Le persone sono state trattate in maniera disgraziata”.

Dowson ha inoltre espresso rabbia perché il leader del partito, Nick Griffin, è stato avvistato in giro a piedi a East Belfast la scorsa settimana, a pochi metri da una ditta cui il BNP deve presumibilmente più di 40.000 sterline.

La piccola azienda familiare di David Sloan, la Romac Press di East Belfast, deve ricevere dal BNP 44.000 sterline.

Ha difeso la scelta della sua società di prendere lavoro da un partito di estrema destra, dicendo che il Regno Unito è in una profonda rcessione.

“Non siamo in grado di mandare via i clienti, ma il BNP ha sostanzialmente spazzato via i profitti di un anno”, ha proseguito.

“Ho contattato la polizia, la commissione elettorale e, se sono costretto, lo porterò in tribunale presso l’Alta Corte”.

Un portavoce del BNP ha rifiutato di confermare o negare le accuse e ha detto che se il partito deve dei soldi per i creditori è “irrilevante”.