Brendan McConville | John Paul Wootton

I due uomini hanno ricevuto oggi la sentenza minima da scontare in carcere per l’omicidio dell’agente Stephen Carroll: McConville dovrà scontare almeno 25 anni, Wootton 14

L’ex consigliere dello Sinn Féin Brendan McConville e il ventunenne John Paul Wootton sono stati riconosciuti colpevoli a marzo, sebbene si fossero continuamente dichiarati innocenti durante il processo, durato nove settimane.

I due uomini sono stati condannati automaticamente all’ergastolo, ma oggi sono state comunicate le pene detentive minime che dovranno trascorrere dietro alle sbarre.

Gli imputati non hanno avuto alcuna reazione alla lettura della sentenza del giudice Girvan.

Il giudice ha descritto McConville e Wootton come “sedicenti carnefici” rifiutati dalla società.

“Nessuna persona con senso di umanità e compassione dovrebbe sbagliare nel vedere o leggere della devastazione causata da sedicenti carnefici che hanno decido di sacrificare una vita umana, nel perseguimenti di obiettivi terroristici duramente respinti dai membri pensanti membri della società”, ha spiegato il giudice.

All’agente Carroll mancavano appena due ore per concludere il suo turno di lavoro, quando lui e alcuni dei suoi colleghi sono stati attirati verso la zona di Lismore Manor a Craigavon.

I membri della Continuity IRA dietro all’attacco si sono assicurati la presenza della polizia nel quartiere infrangendo la finestra di un’abitazione, inducendo gli occupanti a telefonare al numero di pronto intervento.

Il poliziotto è stato ucciso da una singola ferita di arma da fuoco alla testa, provocata dal proiettile di un fucile d’assalto AK-47.

È stato il primo membro della PSNI a restare essere ucciso dai repubblicani da quando ha sostituito la Royal Ulster Constabulary. La sua morte è giunta solo due giorni dopo l’attacco a Massereene Barracks, ad Antrim.

A inizio giornata, un avvocato dell’accusa aveva detto alla corte che, mentre il caso riguardante Wootton era differente perché si tratta di un giovane – il giovane aveva 17 anni al momento dell’omicidio -, non c’erano attenuanti per McConville.

Kate Carroll, la vedova dell’agente di polizia, si è detta “disgustata” della pena mite assegnata a Wootton, perché non ritiene possa servire come deterrente.

Ha anche evidenziato le differenze tra Nordirlanda ed Inghilterra in meteria di sentenza. Chi uccide un agente di polizia in Inghilterra, ha spiegato, deve trascorrere 30 anni in carcere.

“Dovrebbe essere la stessa cosa ovunque – non è possibile fare delle eccezioni. È disgustoso”, ha affermato Kate Carroll.

“Dà il messaggio che uccidere un poliziotto qui (in Irlanda del Nord) va bene, perché ti danno solo una bacchettata sulle mani. Giustizia è stata fatta no? Per noi non è così. Stephen è ancora nella sua tomba”.

A Sharon Wootton, madre di John Paul, il giudice ha comminato una pena di 12 mesi, ma ha ricevuto una sospensione per 3 anni..

La donna si era dichiarata colpevole di ostruzione alle indagini della polizia sull’omicidio dell’agente Carroll, quando spostò del materiale informatico da casa, dove lei ed il figlio vivevano, poco prima delle perquisizioni.