Colin Duffy

Agli investigatori sono state concesse 72 ore per interrogare il prominente repubblicano Colin Duffy

Il quarantaseienne di Lurgan è in custodia in carcere, accusato di appartenenza all’IRA e di complotto per uccidere membri delle forze di sicurezza.

Ma martedì la polizia si è recata al tribunale di Belfast per chiedere di rilasciarlo, per poterlo interrogare nuovamente su argomenti separati.

Rasato, vestito con giubbotto grigio e camicia, Colin Duffy è rimasto con le mani in tasca per tutto il procedimento.

Un agente di polizia ha confermato che la PSNI lo intende interrogare.

Non sono stati forniti ulteriori dettagli sugli argomenti dei nuovi interrogatori.

Colin Duffy si trova in carcere dopo essere stato arrestato lo scorso dicembre insieme ad Alex McCrory, 52 anni di Belfast, e Henry Joseph Fitzsimons, 45 anni.

Le accuse contro i tre repubblicani sono legate ad un attacco armato contro veicoli della polizia che percorrevano Crumlin Road a North Belfast.

Tutti sono accusati di cospirazione all’omicidio e di appartenenza all’Irish Republican Army.

Colin Duffy è anche accusato di cospirazione al possesso di armi da fuoco ed esplosivi con l’intento di mettere in pericolo vite umane.

Un avvocato difensore ha chiesto conferma che la richiesta della polizia non fosse collegata ai presunti reati e operazioni per le quali Colin Duffy al momento è in custodia.

L’investigatore ha replicato: “Le questioni che vogliamo sottoporgli sono differenti”.

La giudice distrettuale Fiona Bagnall ha acconsentito al rilascio di Colin Duffy in custodia alla polizia per un massimo di 72 ore.