A un diciottenne accusato per i disordini di South Belfast viene vietato restare fuori casa la sera

Justice - GiustiziaIl coprifuoco è stato imposto a Daniel McGeown, di Hatfield Street a Belfast, come parte delle condizioni per il suo rilascio su cauzione.

E’ accusato di comportamento sedizioso e di aver lanciato una bottiglia molotov contro la polizia durante i disordini nella zona di Ormeau Road il 12 luglio.

McGeown, l’ultimo di una serie di sospetti comparsi davanti al tribunale di Belfast per i disordini scoppiati in tutta la città il 12 luglio, ha parlato solo per confermare di aver inteso le accuse.

Un poliziotto ha affermato di poter collegare il giovane con i reati ascritti.

In aula è stato rivelato che McGeown si consegnò spontaneamente in una stazione della polizia nella giornata di martedì.

La richiesta di rilascio è stata inizialmente avversata per un problema con il domicilio dell’accusato, ma un avvocato difensore ha insistito dicendo che McGeown viveva in Hatfield Street con la madre.

Concedendo il rilascio su cauzione, la giudice distrettuale Fiona Bagnall ha imposto il coprifuoco dalle 20 alle 7 di mattina. All’accusato è vietato anche bere alcolici e dovrà presentarsi alla polizia due volte alla settimana.

La Bagnall ha avvertito: “Se le condizioni saranno violate, (McGeown) finirà in custodia fino a quando non discuteremo di questi reati”.

McGeown dovrà comparire nuovamente in aula il prossimo mese.