Daniel Murray

L’uomo di North Belfast cui hanno sparato in volto ha detto che volevano ucciderlo

Due uomini a volto coperto sono penetrati nell’abitazione di Daniel Murray in St James Mews, North Belfast, nella serata di domenica.

All’uomo hanno sparato in pieno volto da distanza ravvicinata.

Daniel Murray, 53 anni, ha detto: “Mi ha sparato in faccia. Nessuna domanda, mi ha solo sparato diritto in faccia”.

Il proiettile gli ha rotto l’osso della guancia prima di attraversare il collo e uscire dalla spalla sinistra.

I medici hanno detto che è “miracoloso” che non abbia subito lesioni più gravi.

Meno di 24 ore dopo aver subito un intervento chirurgico di emergenza, Daniel Murray è stato dimesso dall’ospedale.

L’uomo ha detto: “È stata un’esecuzione, sicuramente. È stato un colpo al volto, un solo colpo alla testa, non avevano altro scopo.

“Non ho idea del perché sia avvenuto, non ho ricevuto alcun avvertimento.”

Il fattorino delle pizze ha aggiunto: “Mi è stata data una seconda possibilità e voglio scoprire perché.

“Mi accusano di spacciare droga e voglio che lo dimostrino.

“Mi hanno accusato di essere un trafficante di droga – e io non lo sono”.

La compagna di Daniel Murray, Ciara Austin, ha aggiunto: “Siamo stati lasciati in un limbo, preoccupati dal capire se torneranno.

“Siamo solo gente comune e oggi avremmo potuto seppellire Daniel”.

La coppia ha affermato che non sa se intende restare in quella abitazione.

Ciara ha proseguito: “Non voglio sentirmi come se queste persone ci avessero cacciati da casa nostra, ma è stata una delle esperienze più terrificanti che tu abbia mai vissuto.

«E voglio sapere che diritto hanno di entrare in casa nostra e portare via senza alcun motivo la persona che amo e che è il padre di mio figlio.

“Non è giusto, sono solo codardi”.