Dee Fennell | © Presseye

Il prominente repubblicano è stato rimandato in custodia dopo essere comparso in tribunale con l’accusa di incoraggiare atti di terrorismo

Damien Dee Fennell, 33 anni di Ardoyne a North Belfast, è anche accusato di aver chiesto il sostegno per un’organizzazione illegale.

Le accuse sono collegate al discorso fatto durante la commemorazione per la Rivolta di Pasqua del 1916 nel cimitero St Colman a Lurgan il giorno di Pasqua 2015.

Nel discorso, registrato e caricato online, Dee Fennell ha definito “legittima” la lotta armata contro il dominio britannico.

C’era una massiccia presenza della polizia sia all’interno che all’esterno del tribunale quando Dee Fennell si è recato in udienza a Craigavon.

Il repubblicano è rimasto sempre a braccia conserte e ha parlato solo due volte per confermare la sua identità e di aver compreso le accuse contro di lui.

Fennell, che è anche portavoce del Greater Ardoyne Residents Collective da sempre oppositore dell’Orange Order e dello Sinn Féin, è apparso rilassato e ha salutato una quarantina di sostenitori presenti in aula per l’udienza preliminare.

Il suo avvocato difensore, Peter Corrigan, ha detto che non al momento era prevista una domanda di rilascio ma sarebbe stata presentata prossimamente.

Ha anche affermato che Dee Fennell riceve benefici statali e hha presentato domanda di aiuto legale.

Rimandando in custodia Fennell, il giudice distrettuale Mervyn Bates ha semplicemente detto: “Siete rimandato in custodia da questo tribunale, in mancanza di domanda di rilascio”.

Alla folla di sostenitori, che hanno rifiutato di alzarsi in piedi all’ingresso del giudice, è stato intimato di stare in silenzio dopo che sono esplosi in applausi e saluti mentre Dee Fennell veniva portato fuori dall’aula.

Un uomo ha gridato: “Va tutto bene, Dee”.

All’esterno del tribunale di Craigavon hanno esposto uno striscione che recita “Basta Internamento Britannico” (End British Internment).

Dee Fennell dovrà comparire in aula tramite video collegamento il prossimo 1 maggio.

Foto da Facebook

IRPWA - I support Dee FennellIRPWA - I support Dee FennellIRPWA - I support Dee FennellIRPWA - I support Dee Fennell