Gerry Adams, Sinn Fein

La ricaduta politica seguita all’importante reportage televisivo sulle famiglie dei Disappeared è continuata, con nuove critiche contro Gerry Adams soillevate al Dail di Dublino

I membri dell’opposizione si sono uniti al Taoiseach Enda Kelly nel chiedere piena collaborazione all’IRA per aiutare il ritrovamento delle vittime non ancora recuperate.

I resti di alcune delle 17 persone che sono state rapite e uccise dai repubblicani sono stati ritrovati dopo l’introduzione di una nuova legge nel 1999, in cui veniva garantita l’immunità per chiunque fornisse informazioni.

Tuttavia ci sono almeno sette famiglie ancora in attesa di dare una degna sepoltura ai loro cari.

Il programma televisivo, realizzato da BBC e RTE e mandato in onda lunedì, ha evidenziato la situazione critica dei parenti che hanno sofferto decenni di tortura emotiva.

Adams, presidente dello Sinn Féin e parlamentare per Louth, ha ripetutamente negato di essere stato il comandante dell’IRA a Belfast, o di essere stato responsabile per i rapimenti che ebbero luogo quando era un’importante figura nel movimento repubblicano.

Uno dei casi riguardava Jean McConville, madre di 10 figli, sequestrata dalla sua casa di West Belfast nel 1972. Circondata da un muro di silenzio, i resti della vedova sono rimasti sepolti sulla spiaggia di Shelling Hill nella Contea di Louth per oltre 30 anni.

Il primo ministro irlandese ha detto di aver riconosciuto la genuinità del leader dello Sinn Féin quando ha espresso il desiderio di ottenere maggiori informazioni, ma ha ricordato al Dail l’intervista di Dolours Price rilasciata al Boston College, in cui la repubblicana parlava del suo coinvolgimento nel rapimento di Jean McConville sotto il comando di Gerry Adams.

Ha affermato Kenny: “Il fatto è che qualcuno abbia ordinato la morte di Jean McConville, che qualcuno abbia incaricato della gente di portarla via, che qualcuno abbia istruito Dolours Price a guidare il veicolo oltre il confine e che qualcuno ha dato le istruzioni per compiere ciò che è avvenuto”.

Il parlamentare del Fianna Fail Brendan Smith ha detto che Gerry Adams ha ancora domande a cui rispondere e potrebbe fare di più per aiutare le famiglie sofferenti.

“Il peso della storia è un fardello pesante in questo paese.

“Tombe poco profonde in paludi desolate, su spiagge solitarie e lungo distanti stradine di campagna sono una testimonianza di quel peso”, ha affermato.

“Contrariamente a quanto il Vice Adams e altri vorrebbero ora affermare, tutti nel nord non condividono la responsabilità di quello che è successo lì”, ha aggiunto Smith.

Il parlamentare laburista Gerald Nash ha detto che Adams era “l’uomo con la posizione e l’influenza sui responsabili e con la conoscenza delle circostanze di questi omicidi”.

Adams ha descritto quella dei Disappeared (gli Scomparsi, Ndt) “una delle grandi tragedie del conflitto” e ha fatto appello a chiunque abbia informazioni sui luoghi di sepoltura di contattare le autorità.

Sotto pressione in patria, ieri Gerry Adams è volato negli Stati Uniti per incontri con il governo americano.

Adams parlerà alla cena degli Amici dello Sinn Féin, spingendo l’europarlamentare DUP Diane Dodds a dire: “Piuttosto che essere Gerry Adams a mandare un messaggio all’evento degli Amici dello Sinn Féin, dovrebbero essere loro a scrivere a Gerry Adams dicendogli che è il momento di dire la verità”.

Ha aggiunto: “Ad oggi le famiglie dei Disappeared stanno ancora soffrendo. Forse se il documentario della BBC fosse stato proiettato durante la cena degli Amici dello Sinn Féin ci sarebbe stata una differente reazione dagli spettatori”.