Una donna che afferma di essere stata stuprata da un importante repubblicano ha respinto le dichiarazioni di due membri dello Sinn Fein su come cercarono di aiutarla

La donna, Cahill, ha detto di essere stata stuprata da un uomo dell’IRA nel 1997.

Martedì Padraic Wilson e Seamus Finucane, anch’essi ex membri dei Provisional, hanno rilasciato dichiarazioni spiegando come cercarono di affrontare il caso.

La donna ha descritto il loro coinvolgimento come “forzato” e “mal gestito”.

Al momento del presunto abuso, avvenuto quando aveva 16 anni, la Cahill, pronipote del veterano repubblicano Joe Cahill, stava lavorando per la stazione radiofonica West Belfast Festival.

Stava insieme al suo presunto stupratore e a sua moglie, mentre i genitori della ragazza erano in vacanza.

Tre anni dopo il presunto stupro, la Cahill incontrò Wilson e Finucane, all’epoca entrambi membri dell’IRA.

Nella dichiarazione di martedì, Wilson ha riferito di aver parlato con Cahill ed un altro membro della sua famiglia. Ha detto di aver insistito perché “l’unico modo per venire a capo della situazione sarebbe stato comunicarla direttamente ai servizi sociali”.

Ha aggiunto che la Cahill non aveva voluto seguire questo percorso.

Comunque le dichiarazione era stata respinta dalla signorina Cahill.

Dalla dichiarazione di Seamus Finucane, rilasciata sempre martedì, si viene a sapere che la Cahill non volle l’intervento della RUC nell’indagine.

Anche in questo caso la donna ha respinto il racconto, definendolo “non vero”.