Royal Mail, Lisburn

Una seconda lettera esplosiva è stata recuperata ad un ufficio di smistamento della corrispondenza, a meno di 24 ore dal ritrovamento di un altro ordigno simile

Il primo ministro Peter Robinson e il suo vice Martin McGuinness hanno condannato i responsabili dell’invio degli ordigni esplosivi.

Il secondo plico è stato trovato in un deposito di Lisburn il giorno dopo il ritrovamento di un analogo pacco in un centro smistamento di Derry.

Entrambe erano indirizzate alla prigione di Maghaberry.

Il dito viene puntato contro i gruppi repubblicani che si oppongono al processo di pace.

In una dichiarazione condivisa, Robinson e McGuinness hanno affermato: “Condanniamo totalmente le recenti lettere bomba scoperte negli uffici di smistamento della posta a Derry/Londonderry e Lisburn.

“La gente responsabile di queste lettere bomba sono contrari alla volontà democratica della popolazione e ci vuole riportare al passato. Non hanno rispetto per i lavoratori delle poste, per la comunità né per il futuro”.

L’allarme sicurezza negli uffici di Linenhall Street a Lisburn è stato lanciato dopo che una lettera bomba era stata messa in sicurezza nel deposito di Great James Street a Derry.

La bomba ritrovata ieri pomeriggio (l’articolo è del 7 marzo, Ndt) era contenuta in una busta bianca formato A4 con l’indirizzo scritto in grigio utilizzando un normografo.

Il mese scorso una serie di pacchi esplosivi erano stati inviati ad uffici di reclutamento dell’esercito britannico in Inghilterra.

A ottobre 2013 i repubblicani inviarono una serie di politici di alto profilo e a membri delle forze di sicurezza in Irlanda del Nord.

Una dei destinatari fu il Segretario di Stato per l’Irlanda del Nord Theresa Villiers.

Un’altra bomba fu inviata agli uffici del Public Prosecution Service di Derry mentre due ordigni – uno per il comandante della PSNI Matt Baggott e uno per un alto ufficiale di polizia – furono intercettati negli uffici Royal Mail di Belfast e Lisburn.

L’invio delle lettere bomba ha fatto riemergere una delle tattiche utilizzate dai paramilitari durante i Troubles per seminare il terrore.