Funerale di Tommy English

Funerale di Tommy English (foto BBC)

Due uomini sono comparsi oggi in tribunale per rispondere dell’omicidio di Tommy English.

English, 39 anni, era membro dell’Ulster Defence Association. Fu ucciso, davanti alla moglie, nella sua abitazione di Newtownabbey nell’ottobre 2000.

La faida lealista scoppiata tra UDA e UVF all’inizio dell’estate del 2000 portò all’esecuzione di sette paramilitari, quattro dei quali uccisi tra il 28 ottobre ed l’1 novembre.

L’arresto dei due uomini, di 34 e 38 anni, è stato ordinato in seguito alle prolungate indagini dell’Historical Enquiries Team (Squadra di inchieste storiche), l’unità istituita dalla Psni per riesaminare gli omicidi avvenuti nel corso dei Troubles e mai risolti.

Gli imputati dovranno rispondere anche di appartenenza ad una organizzazione illegale.

L’inchiesta sulla morte di Tommy English riprese vita dopo la pubblicazione di un rapporto della Police Ombudsman Nuala O’Loan nel gennaio 2007, riguardante la collusione tra i paramilitari lealisti e le forze di sicurezza inglesi.

Nel rapporto si parlava di almeno 12 omicidi avvenuti per proteggere Mark Haddock, membro della UVF e informatore della polizia.