Mark DurkanLa devolution è attiva “ma non procede”, farà sapere oggi lo SDLP in un documento che analizza oltre due anni di amministrazione condivisa tra DUP e Sinn Fein.

Il ‘rapporto’ del partito, la cui unica rappresentante nell’Esecutivo è il Ministro per lo Sviluppo Sociale, Margaret Ritchie, è molto critico sul livello di successo e di prestazione – e fa paragoni non favorevoli rispetto all’ultimo regime condiviso, guidato dallo SDLP insieme all’Ulster Unionist Party.

“Sembra che la devolution stia lavorando, ma è chiaro che a livello pratico è un fallimento”, conclude il documento ‘Making Devolution Work’.

Si legge che l’Esecutivo si è incontrato con meno regolarità rispetto a qualsiasi altro precedente, mentre il consiglio ministeriale Nord-Sud si è riunito meno della metà delle volte rispetto al precedente – 30 incontri contro 71.

“Ad oggi 38 leggi sono state introdotte da questa Assemblea negli ultimi due anni e 4 mesi. L’ultimo governo ne aveva gestite 64 in 30 mesi. E molte di esse sono semplicemente un karaoke politico – leggi passate per mantenere la parità con Westminster”, prosegue il documento.

Il leader dello SDLP Mark Durkan dice che la sua controparte dell’Ulster Unionist, Reg Empey, aveva sfortunatamente ragione quando dipinge l’Esecutivo come un “negozio di imbonitori”.

“Gli incontri tra i consulenti speciali dei ministri, un evento regolare precedente gli incontri dell’Esecutivo, sono stati adesso cancellati sin dallo stallo di cinque mesi avvenuto lo scorso anno. Importanti documenti dell’Esecutivo non vengono presentati fino a poco dall’inizio e spesso gli ordini del giorno vengono forniti dopo l’inizio delle riunioni”, dice il parlamentare nazionalista.

“Il trasferimento dei poteri sulla giustizia non è più vicino. Le scuole sono a poche settimane da un sistema non regolamentato di confusione e caso e non c’è alcun movimento verso una legge sulla lingue irlandese (Irish Language Bill)”.