I politici hanno detto che erigere un enorme catasta di legna accanto ad un albergo nel centro di Belfast è un atto di follia che colpisce il turismo

Centinaia di pallets sono stati ammassati sul terreno accanto all’Holiday Inn in Hope Street, a Belfast, nello stesso luogo che lo scorso anno fu la scena di uno dei più controversi bonfire (falò commemorativi eretti dai lealisti e unionisti, Ndt).

Claire Hanna, parlamentare SDLP, ha detto: “Nel momento in cui cerchiamo di far crescere l’industria del turismo, questo è completamente folle.

“L’ultima cosa che i viaggiatori vogliono vedere dall’albergo è un tale caos”.

L’ex Days Hotel l’anno scorso è stato restaurato e ha cambiato il nome in Holiday Inn. Il terreno accanto all’hotel, dove è stato eretto il bonfire, è di proprietà dell’Housing Executive. Un portavoce ha detto che, al momento, non sono previste azioni.

“Non abbiamo progetti di rimuovere il materiale da questo sito”, ha affermato.

“Ma continueremo a lavorare con la comunità, il consiglio, la PSNI, i pompieri e altre agenzie sulla questione.

“I bonfire sono eventi tradizionali e noi lavoriamo e sosteniamo le comunità ad abbracciare le celebrazioni culturali in maniera non minacciosa”.

La signora Hanna ha criticato le autorità per non aver intrapreso “azioni decisive” rispetto ad alcuni bonfire.

“Durante questo periodo dell’anno, alcune agenzie statali sembrano impotenti”, ha affermato. “Camminano come sulle uova quando si tratta di queste cose, invece di adottare un approccio sensato. Non chiedo la cancellazione dei bonfire.

“Comprendo che la gente sia attaccata a queste manifestazioni ma chi erige queste cataste non dovrebbe avere l’opportunità di farlo ovunque abbiano voglia.

“Un bonfire accanto ad un hotel nel centro città non è una buona idea.

“Gli ospiti che guardano fuori dalle finestre non vedono una celebrazione culturale – a loro sembrerà soltanto un cumulo di spazzatura”.

La parlamentare SDLP ha detto che il suo partito lo scorso anno provò a regolare i bonfire.

“Quello era il modo migliore per andare avanti. Le nostre proposte avrebbero assicurato la costruzione dei bonfire nei luoghi più appropriati e sicuri”, ha aggiunto.

IL consigliere di Alliance Party, Michael Long, ha fatto sapere: “Un bonfire proprio accanto ad un albergo ovviamente danneggia il turismo. Attualmente stiamo lavorando duramente per creare nuovi posti di lavoro nella zona e questo non aiuta. Ma la questione più grande è che in molti posti in tutta Belfast, le agenzie statali – comprese Housing Executive, Consiglio comunale e polizia – sembrano non interessarsi dei diritti dei residenti e dei negozianti.

“Sembra che gli organizzatori dei bonfire possono fare ciò che più gli aggrada”.

Long ha detto che Alliance Party ha sollevato le proprie preoccupazioni con i funzionari comunali nelle ultime settimane e ha chiesto di adottare “un approccio più robusto”.

L’anno scorso, gli ospiti dell’albergo si lamentarono dei gruppi di giovani che si radunavano intorno al bonfire nella serata dell’11 luglio.

Un ospite commentò su Tripadvisor: “Il bonfire non ha migliorato la nostra visita né la vista dalla stanza. Il rumore è continuato per tutta la notte e la puzza di fumo non ha aiutato”.

Un’altra persona scrisse: “Non è stata un’esperienza piacevole, il posto era rumoroso, non un luogo molto bello, con ubriachi, gente che insultava e ragazzi con la Union Jack. Dopo ho fatto in modo di lasciare Belfast”.

L’hotel è di proprietà della catena Andras Hotel.

Bonfire a Sandy Row - © Kevin Scott, Presseye