C’è bisogno di unire i repubblicani per far cessare gli abusi nella prigione britanica di Maghaberry

32 csm, 32 county sovereignty movement, marian price, pow, prisoners of war, prigionieri repubblicani, republican prisoners, strip search, perquisizione corporale, francis mackey, republican unity, unità dei repubblicani, maghaberry prison, prigione di maghaberry, north of ireland, northern ireland, nordirlanda, irlanda del nord, statement, comunicato, abuse, abuso, repression, repressione, harassment, molestiaIl continuo abuso nei confronti dei POW repubblicani nella prigione di Maghaberry non è solamente una seria violazione del loro Diritti Umani ma il riflesso di come il governo britannico e i loro burattini a Stormont non abbiano risposte su come trattare i repubblicani o come gestire le analisi repubblicane che mostrano la continua violazione della Sovranità Nazionale Irlandese.

Francis Mackey, presidente del 32 County Sovereignty Movement, ha affermato: “I repubblicani hanno mostrato le debolezze nella normalizzazione del governo britannico in Irlanda e così facendo hanno dimostrato che il governo inglese ed i suoi alleati a Stormont possono solo ripetere le pratiche repressive del passato per sopprimere la legittima sfida repubblicana.

“L’abuso sui POW a Maghaberry e il continuo internamento di Marian Price mostrano come la repressione, l’abuso e la molestia sia sono l’estensione del pensiero che gli inglesi ed i partiti di Stormont sono pronti a proseguire piuttosto che cercare di far terminare le condizioni politiche che permettono a queste pratiche disumane di continuare”.

Continuando ad esporre il suo pensiero, Mackey prosegue: “E’ fondamentale che la base repubblicana ed in particolare tutte le organizzazioni, società e individui repubblicani stiano uniti e sostengano saldamente la campagna per cessare l’abuso politico dei repubblicani.

“Faccio appello all’unità dei repubblicani per portare pressione sui partiti a Stormont affinché finisca la pratica delle strip search come primo passo per terminare la protesta in questo carcere.

“Quello che mi preoccupa è la pressione su questi uomini (i prigionieri repubblicani, Ndt) e temo che questa pressione continua possa aumentare e personalmente non voglio vedere la storia ripetersi.

“Quindi bisogna percorrere qualsiasi strada per portare questo problema a buon fine”.