Gerry Kelly | © Pacemaker

Il fratello di un membro dell’IRA ucciso dalla SAS britannica 31 anni fa ha sostenuto di essersi dimesso “in diretta” dallo Sinn Féin dopo aver sentito Gerry Kelly dire in radio di non essere contrario all’uso degli informatori

Il parlamentare di North Belfast e membro del Policing Board ha parlato con Stephen Nolan su BBC Radio Ulster dell’uso di bambini informatori, dopo che la polizia ha rivelato di aver pagato negli ultimi 5 anni oltre 2 milioni di sterline per “fonti di intelligence segrete”.

Gerry Kelly ha detto: “Io non sono contro l’uso di informatori e non ho mai detto questo”.

Ha proseguito affermando che “naturalmente i servizi di polizia operano sulla base del fatto che ottengono informazioni”, aggiungendo di aver spesso chiesto alla gente “di rivelare le informazioni, quindi sarebbe una contraddizione totale se dicessi che sono contro chi fornisce informazioni”.

Kelly ha detto che “dare informazioni significa fornire informazioni, sia che si sia una fonte di intelligence segreta o meno”.

Ha spiegato di non essere d’accordo con l’utilizzo di “persone vulnerabili, e in quella categoria io metto i bambini”.

Per il parlamentare dello Sinn Féin, fornire informazioni “può mettere in pericolo la loro vita e quindi penso che sia abbastanza evidente che è assolutamente il modo sbagliato di ottenerle”, ha aggiunto.

Dopo aver ascoltato Kelly parlare sull’utilizzo di informatori, Frank McGirr da Coalisland, il cui fratello ventitreenne Colm venne ucciso nel dicembre 1983, si è detto “molto irritato con Gerry Kelly”.

Affermando di essere un membro dello Sinn Féin, McGirr ha detto: “da oggi non sono più un membro dello Sinn Féin. Io non sostengo gli informatori. Gli informatori sono meschini. Trentuno anni fa mio fratello più giovane Colm è stato assassinato dalla SAS il 4 dicembre a Clonoe, a causa degli informatori della polizia”.

Ha detto che suo fratello era un membro dei Provisional IRA, ma era disarmato quando fu assassinato.

Martedì sera un portavoce dello Sinn Féin ha negato che McGirr fosse un membro del partito quando si è pubblicamente dimesso “in diretta”.