Giovedì il primo ministro britannico David Cameron è atteso in Irlanda del Nord, dove parlerà all’Assemblea di Stormont

David CameronIl viaggio giungerà il giorno dopo l’incontro del primo ministro nordirlandese e del suo vice con Cameron a Londra, come parte dell’Incontro Plenario del Joint Ministerial Committee.

Peter Robinson e Martin McGuinness saranno parte della delegazione che comprenderà anche il primo ministro scozzese Alex Salmond e quello gallese Carwyn Jones.

Secondo Ken Reid, editorialista politico di Utv, è significativo che Cameron abbia deciso di far visita all’Irlanda del Nord dopo l’incontro.

“CI sono state critiche perché (Cameron) ha ignorato l’Irlanda del Nord dopo essere giunto qui nella prima settimana dopo la sua nomina”, afferma Ken Reid.

“Non solo in Irlanda del Nord ma anche in Scozia e Galles c’è l’idea che le amministrazioni decentrate siano state ignorate e che è tempo per il primo ministro di mostrare un certo interesse. Così adesso il primo ministro sta giungendo qui”.

Ci si aspetta che il finanziamento pubblico sia in cima all’agenda, dopo il riesame delle spese complessive avvenuto lo scorso autunno.

Il Tesoro si sta attualmente consultando per discutere se dare l’opportunità all’Esecutivo di Stormont di ridurre la tassa sulle imprese, nel tentativo di incrementare gli investimenti diretti stranieri nella regione.

Questo portebbe essere accompagnato da sostanziali tagli nella concessione fornita da Westminster per far funzionare i servizi pubblici nordirlandesi.

La scorsa settimana i leader delle tre regioni si sono incontrati ad Edinburgo per discutere della tassa sulle società.

Anche Salmond ha chiesto la possibilità per la Scozia di poter diminuire l’importo della tassa.