Giro d'Italia in Irlanda

Secondo il quotidiano ‘Irish Independent’ sono stati rinvenuti 22 chili di esplosivo in un’auto. L’ordigno era pronto ad essere attivato: avrebbe potuto provocare “danni devastanti”. La carovana rosa ha lasciato l’Irlanda dopo tre tappe, domani la corsa riprenderà in Italia

DUBLINO – Un’autobomba sulle strade (irlandesi) del Giro d’Italia. E’ stata scoperta dalla polizia a Dublino, mentre la capitale dell’Eire ospitava la carovana rosa. L’Irish Independent scrive che ieri sono stati rinvenuti circa 22 chili di esplosivo in un’auto. L’ordigno artigianale era pronto ad essere attivato.

Come si legge sull’edizione online del quotidiano, che cita “affidabili fonti della sicurezza”, non si esclude che i responsabili volessero sfruttare proprio la presenza del Giro d’Italia. La kermesse rosa ha portato migliaia di spettatori nelle strade della città. Ieri il Giro ha lasciato l’Italia, e dopo il giorno di riposo, riprenderà domani con la tappa pianeggianta in Puglia, da Giovinazzo a Bari.

L’auto era parcheggiata nei pressi del Finnstown Country House hotel, uno degli alberghi principali della città, e probabilmente era destinata ad essere spostata in un altro luogo. La bomba, confezionata a quanto pare con l’impiego di fertilizzanti, come ha spiegato un’anomima fonte “era pronta per l’uso. Avrebbe potuto provocare danni devastanti”.

Il giornale ipotizza che l’ordigno sia stato trasportato nei giorni scorsi da Belfast a Dublino. Nel mirino, ci sarebbero i dissidenti repubblicani. Secondo le analisi già effettuate, il timer applicato alla bomba sarebbe il tipico strumento utilizzato in diversi attentati attribuiti all’Ira. A completare il quadro, si legge ancora, ci sarebbe l’arresto di un uomo che in passato avrebbe avuto rapporti con la Real Irish Republican Army, l’organizzazione paramilitare creata nel1997 da alcuni dissidenti dell’Ira.