Bomba a Palace Barracks

Gli attentatori responsabili dell’esplosione all’interno di un furgone postale avvenuto dentro i cancelli di Palace Barracks a Holywood avrebbero tracciato continuamente il percorso del pacco pieno di esplosivo

L’ordigno ha provocato danni alla base dell’esercito inglese quando è esploso nella mattinata di venerdì scorso. I danni si sono estesi a due vetture vicine e a tre garage.

Nessuno è rimasto ferito nel corso dell’attacco. Il postino, infatti, non si trovava nel veicolo quando è avvenuta l’esplosione.

Si ritiene che chi ha inviato l’ordigno a Palace Barrack, nella zona di Old Holywood Road, lo ha fatto utilizzando una spedizione tracciabile.

Con questo metodo, un numero di riferimento può essere utilizzato online per verificare tutti i passaggi della spedizione.

Sono state sollevate questioni sull’importante breccia nella sicurezza di quella che era ritenuta una delle basi britanniche più sicura, che ospita i soldati del Royal Scots Borderers, quelli del Royal Regiment of Scotland e i servizi di intelligence dell’MI5.

“È certamente una nuova procedura seguire il pacco in questo luogo specifico che hanno cercato di far saltare in aria”, ha commentato l’ex ufficiale di polizia Alan Mains.

“Tuttavia devo dire che questo fornisce agli investigatori una potenziale linea di indagine”.

Negli ultimi anni ci sono stati diversi tentativi da parte dei gruppi armati repubblicani di attaccare gli operatori della sicurezza attraverso il servizio postale.

La polizia sta indagando sulla bomba di Palace Barracks, ma ha spiegato che il danno provocato dall’esplosione e dalle operazioni dei pompieri rendono difficile capire come era stata costruita la bomba.

La PSNI sta lavorando a stretto contatto con Royal Mail per cercare di minimizzare i potenziali rischi.

È stato rivelato che il personale delle poste ha ricevuto uno speciale addestramento per maneggiare presunti ordigni.

Gli è stato spiegato di avvertire qualora sentissero un odore simile a marzapane e mandorle – il profumo che più somiglia a quello emanato dal potente esplosivo Semtex.

Alan Mains ha detto a Utv: “Se maneggi una bomba in qualsiasi forma si presenti, l’ultima cosa che farebbe un agente di polizia sarebbe quello di toccarla ma i lavoratori postali la sollevano, la spostano, e questo è molto pericoloso e mi dimostra la mancanza di rispetto per chi cerca di fare il proprio lavoro”.

Bomba a Palace Barracks