Drumcree 2011 | © Andrea Aska VaracalliIeri gli orangisti di Portadown hanno sfidato il vice primo ministro Martin McGuinness ad utilizzare la sua influenza per persuadere la Garvaghy Road Residents Coalition (GRRC) ad incontrarli per discutere del punto morto relativo alla parata di Drumcree.

La mossa giunge dopo che McGuinness aveva chiesto all’Orange Order di dialogare sulle parate contenzione, affermando che se avevano problemi ad incontrare lo Sinn Fein, avrebbero potuto incontrare lui ed il primo ministro Peter Robinson per parlare dei problemi.

L’offerta era stata immediatamente respinta dall’Orange Order.

Ma Darryl Hewitt, Maestro distrettuale di Portadown, si è inserito nella controversia e ha sfidato McGuinness a “utilizzare la sua influenza per persuadere la GRRC ad incontrarci faccia a faccia con l’obiettivo di risolvere la disputa di Drumcree, iniziata nel 1998, quando la nostra parata di rientro via Garvaghy Road è stata vietata dalla Commissione Parate.

Hewitt ha aggiunto: “Francamente, sono stanco di sentire l’Ordine criticato perché non si incontra con i gruppi di residenti per sistemare le parate contenziose, mentre qui a Portadown sono i residenti nel torto.

“Stiamo inseguendo il principio dei colloqui negli ultimi cinque anni – colloqui senza precondizioni – e la GRRC non ne vuole sapere.

“E’ strano come i politici sbuchino fuori quando c’è violenza intorno alle parate. Abbiamo utilizzato ogni maniera pacifica per cercare di istituire i colloqui, ma i politici e la commissione hanno fatto ben poco per aiutarci”.

Il distretto di Portadown si è anche schierato contro la politica della Gran Loggia d’Irlanda, incontrandosi con i membri della Commissione Parate in diverse occasioni, ma non ci sono spaccature in vista.

E Hewitt ha insistito che non incontreranno lo Sinn Fein per risolvere la questione.

“Questa non è una questione politica”, ha aggiunto. “E’ materia tra il distretto di Portadown e la GRRC, e una tavola rotonda tra le due parti è quello che vogliamo”.

Dopo la parata di Drumcree della scorsa settimana, la GRRC non negava categoricamente la possibilità di colloqui, ma era cristallina nel dire che non acconsentirà ad una parata che percorra Garvaghy Road.

Il presidente della GRRC Joe Duffy ha affermato: “Abbiamo acconsentito ai colloqui in passato, ma a quell’epoca i funzionari del distretto di Portadown non volevano sedersi nella stessa stanza con noi. Ciò che volevano discutere era solo la marcia, a ci sono altre questioni.

“Comunque la parata di ritorno è una cosa passata ed è tempo di andare oltre”.

L’ex presidente della Coalizione Breandan MacCionnaith ha evidenziato che l’ultima volta in cui il distretto si era messo in contatto era stato tre anni fa, mentre il parlamentare e ministro dell’Educazione John O’Dowd accetta che i colloqui siano la maniera per muovere le cose, ma una marcia di ritorno non dovrebbe avere luogo.