Ardoyne Riot | 12 07 2010I genitori dei ragazzi coinvolti nei feroci scontri di Belfast potrebbero ricevere una visita dei Servizi Sociali, nonostante la polizia abbia ammesso di non avere alcun potere per reprimere le famiglie che permettono ai loro figli di attaccare i poliziotti.

Ragazzi di appena 9 e 10 anni sono stati identificati mentre lanciavano oggetti tra cui bottiglie, mattoni e bombe molotov contro la polizia durante gli importanti scontri avvenuti nel corso di quattro giorni in tutta Belfast.

I disordini sono durati fino a tarda notte e la mattina presto – ben oltre l’orario in cui vanno a letto alcuni dei bambini visti combattere per le strade ad ogni, facendo ricordare scene di una zona di guerra .

Cannoni ad acqua e proiettili di plastica soo stati utilizzati al momento dell’escalation della violenza .

Colpi di arma da fuoco sono stati sparati contro la polizia dai negozi di Ardoyne (Ardoyne Shops), da dove è stato lanciato un pezzo di calcestruzzo che ha ferito gravemente una donna poliziotto.

Testimoni sul terreno dei quattro giorni di disordini, scoppiati domenica, hanno detto che un ragazzo intento a lanciare pietre era accompagnato da suo nonno e a un altro bambino la madre ha detto di “non farsi arrestare” se fosse rimasto fuori fino a tardi .

Ma con l’incremento delle richieste di punizione verso i genitori, è emerso che la PSNI può fare poco.

Anche se in Irlanda del Nord non esiste una normativa per perseguire i genitori per il comportamento illecito dei loro figli, i servizi sociali hanno detto che interverranno qualora i giovani siano coinvolti in “comportamenti a rischio o criminale ” .

Una portavoce della polizia ha detto che nei prossimi giorni lavoreranno per identificare tutti quelli coinvolti in questa rivolta, arrestando e, se è caso, portandoli davanti al giudice .

La portavoce ha detto che è troppo presto per speculare su come la polizia tratterà i genitori dei ragazzi identificati.

“Questa è una indagine penale piuttosto che assistenziale, una materia che rientra nelle competenze dei Servizi Sociali”, ha detto.

“Stiamo ancora lavorando per identificare e arrestare i responsabili deli disordini ed in questa fase non possiamo commentare su ciò che, come azione, possiamo avviare nei confronti dei genitori – tuttavia non esiste una legge per perseguire i genitori per le attività illegali dei figli”.

Ha continuato: “Siamo consapevoli del fatto che alcuni elementi sono stati incoraggiati alle scene vergognose che abbiamo visto e hanno usato bambini piccoli per attaccare la polizia e minare le relazioni intercomunitarie.

“Chiunque fosse impegnato in questi disordini sarà oggetto di ricerca e corre il reale rischio di essere arrestato, processato e avere la fedina penale sporca.

“Saremo in stretto collegamento con altri organismi, servizi sociali e organizzazioni di giustizia minorile per garantire che siano intraprese le azioni appropriate in relazione a qualsiasi giovane ritenuto colpevole di un reato criminale . Tenete a mente il fatto che l’ età della responsabilità penale è di 10 anni, quei giovani che saranno identificati mentre commettevano reati potrebbero affrontare un futuro molto difficile”.

Un portavoce del Dipartimento di sanità, servizi sociali e sicurezza pubblica (Department of Health, Social Services and Public safety) ha detto che l’agenzia dovrebbe intervenire, se necessario.

“Sono prese misure per la polizia per fare riferimento ai Servizi Sociali quando viene identificato qualsiasi giovane impegnato in comportamenti a rischio o penali.

“I servizi sociali possono intervenire per proteggere i bambini a rischio e lavoreremo con i genitori nel sostenerli nel loro ruolo di principali curatori dei loro bambini”.