Ian PaisleyL’ex leader del Democratic Unionist Party (DUP), Ian Paisley, ha lodato lo Sinn Fein per aver mantenuto la parola sul power-sharing (condivisione potere) nonostante la minaccia repubblicana.

Paisley ha detto, giovedì scorso, di incoraggiare e sperare che le relazioni tra il primo ministro Peter Robinson ed il vice primo ministro Martin McGuinness diventino “stabili”.

McGuinness parlò della Continuity IRA come di “traditori”, dopo la morte del poliziotto avvenuta a Craigavon a marzo.

I due partiti stano ancora negoziando il passaggio dei poteri sulla polizia da Londra a Belfast.

Paisley ha affermato a Rté: “Ciò che mi incoraggia è il fatto che gli shinner hanno mantenuto la loro parola e non ci sono dubbi dell’esistenza di un sentimento di odio contro di loro da parte di persone che una volta erano con loro”.

Per l’ex deus ex machina unionista, McGuinness era molto onesto e tra di loro c’era un’ottima relazione.

“Penso non ci siano ragioni perché non si possa creare una relazione stabile tra lui e Peter in un campo minato che è molto esplosivo nella politica dell’Ulster e hanno bisogno di lavorare con molta cura”, ha aggiunto.

“Non penso che la maggioranza dei cattolici e la maggioranza dei protestanti voglia tornare a quello che avevamo. C’è un grande sollievo, la gente sta tornando alla normalità”.