Ihab Shoukri | UDAL’importante lealista Ihab Shoukri stava fumando eroina prima di morire. Lo riferisce agli inquirenti il coroner.

Il membro della Ulster Defence Association, 34 anni, fu scoperto dalla sua partner sul divano dell’abitazione di North Belfast. Shoukri sarebbe diventato padre in poco tempo.

Il coroner (medico legale, Ndt) di Belfast Brian Sherrad ha scoperto che Shoukri morì per un cocktail di droghe nel 2008. Questo risultato fu contestato dalla sua famiglia, che puntò l’attenzione alla sua storia di sofferenze. Suo fratello e compagno lealista Andre era in tribunale, ma se ne andò prima della fine del procedimento.

Sherrard ha dichiarato: “L’uso di sostanze illecite nella nostra società è diventato davvero endemico e ha portato alla morte prematura di molti giovani con tutta una vita davanti a loro”.

Shoukri, da Grainon Way a Rathcoole, era stato rilasciato dal carcere nell’estate del 2008 dopo aver ammesso di essere un membro dell’UDA. Aveva guardato in televisione degli incontri di boxe insieme all’amico Stephen Green prima che la sua fidanzata scoprì l’assenza di respiro, nelle prime ore del 23 novembre.

Green ha negato di fare uso di qualsiasi tipo di droga e la compagna di Shoukri, Emma Ritchie, ha detto di non essere a conoscenza di qualcosa illegale. Non furono raccolte prove di abuso di sostanze stupefacenti in casa dopo la morte, ha detto la polizia. La Ritchie ha detto che era stato “terribile” il giorno della sua morte, ma, contro i soi consigli, Shoukri giocò a calcio.

Shoukri aveva sofferto di 15 attacchi tra il 2003 e il 2006, ma i medici non erano stati in grado di determinarne la causa ed il lealista non si era presentato agli appuntamenti. L’assistente patologo Dr. Peter Ingram ha scoperto morfina, codeina e diazepam nel sangue dopo la morte e ha detto che la composizione della morfina lo ha portato a concludere la causa del decesso era stata il consumo di eroina. Non c’era prova di iniezione, così ha detto che era molto probabile che fosse stata fumata.

“Sono state l’eroina e la morfina non pure”, ha detto. Ha poi aggiunto: “Si può ragionevolmente concludere che è stato l’effetto di queste droghe che ha portato allo sviluppo della polmonite”.

Ha detto che se la vittima era morta per una crisi epilettica ci sarebbero stati probabilmente dei piccoli segni come causa della morte e non la polmonite. Nel caso di Shoukri ci sarebbe stata una graduale perdita di coscienza per gli effetti delle droghe e l’insorgenza di polmonite, ha concluso il medico.

La Ritchie ha detto che dopo la partita di calcio Ihab aveva sintomi simil-influenzali, era letargico e con gli occhi pesanti. “Si preoccupava costantemente tutto il tempo, ma non te lo avrebbe mai fatto sapere”, ha aggiunto la compagna di Shoukri. Il medico legale ha constatato che morì di polmonite a causa degli effetti del mix di morfina, codeina e diazepam.