Families, Friends and Ex-POWs
Una delegazione del gruppo Families, Friends and Ex-POWs ha incontrato una delegazione di prigionieri di guerra a Maghaberry lunedi 28 giugno 2010. La delegazione era composta da Alex McCrory, Mandy Duffy, Paul Little, Marian Price, Carl Reilly e Elaine Carlin. La delegazione dei prigionieri comprendeva: Colin Duffy, Harry Fitzsimmons, Sean Carlin, Brendy Conway, Damien McLaughlin e Stevie O’Donnell.

L’incontro che ha avuto luogo è stato molto istruttivo, in quanto i prigionieri di guerra sono stati in grado di raccontare in prima persona le condizioni in cui vivono al gruppo di sostegno. Allo stesso modo il gruppo ha potuto informare i prigionieri sulla campagna svolta all’esterno.

Richieste:

I prigionieri di guerra hanno parlato delle 2 richieste da soddisfare per porre fine alla protesta.

  1. Libertà di associazione con fine al movimento controllato.
  2. Cessazione delle degradanti e umilianti Strip Searches (Perquisizioni corporali).

Condizioni:

I prigionieri di guerra ha dipinto un quadro chiaro delle loro condizioni di vita attuali. Alcuni dicono sia come vivere in una fogna. I pavimenti sono ricoperti di escrementi e di urina e quando questi vengono spinti all’esterno delle celle sono deliberatamente rimandati all’interno dai secondini. La biancheria da letto e ogni altra cosa nella cella vengono sporcate. Durante i pasti i secondini, vestiti con indumenti protettivi – maschere, guanti ecc. – manipolano il cibo dei prigionieri di guerra usando gli stessi guanti contaminati con escrementi e urina.

Malattie:

Come risultato di questa gestione poco igienica degli alimenti i prigionieri di guerra si stanno ammalando. Vomito e diarrea sono già diffusi. Questo è motivo di grande preoccupazione, dato che le richieste di cure mediche sono state rifiutate. E’ solo una questione di tempo prima che alcuni dei prigionieri di guerra si ammalino gravemente.

Morale e unità:

Nonostante vivano in queste condizioni, il morale e l’unità tra i prigionieri di guerra è molto alto. Questo è stato evidente per la delegazione durante la riunione, quando i prigionieri di guerra hanno espresso totale fiducia nel raggiungimento delle loro richieste. Il cameratismo tra i prigionieri di guerra era evidente a tutti.

Campagna:

Il gruppo di sostegno ha delineato ai prigionieri di guerra come progredisce la campagna all’esterno e ha chiesto il loro parere. I prigionieri di guerra hanno dichiarato di essere felici per tutto il lavoro fatto dal gruppo fino ad oggi. Hanno detto che le manifestazioni svolte ‘taoibh amuigh’ (all’esterno) aumentano il morale di tutti i prigionieri di guerra. Le grandi proteste tenute davanti al carcere hanno dato grande sollievo ai prigionieri di guerra. Anche la necessità dell’incremento della campagna ‘taoibh amuigh’ (all’esterno) è stata menzionata.

Grazie:

I prigionieri di guerra hanno ringraziato il gruppo Families, Friends and Ex-POWs per l’incontro e per tutto il loro lavoro e sostegno. Hanno espresso la loro gratitudine a tutti coloro che hanno lottato per loro conto e hanno anche chiesto il loro continuo sostegno.