Una riproduzione della facciata del McGurk’s Bar è stata svelata sabato a Belfast nel 40° anniversario dell’attentato che uccise 15 persone

McGurk's Bar memorialSabato sera molte famiglie si sono ritrovate nella zona di North Queen Street, dove una volta c’era il McGurk’s Bar.

Quindici persone furono uccise ed altre 16 rimasero ferite quando l’ordigno senza avvertimento esplose a North Belfast il 4 dicembre 1971.

L’attacco fu compiuto dalla UVF, ma inizialmente la RUC parlò di “autogol” dell’IRA, facendo intendere che l’ordigno esploso nel bar era stato preparato lì dai repubblicani, o che il locale fosse un “punto di scambio” per trasportare altrove la bomba.

Il nonno di Robert McClenaghan, il 73enne Philip Garry, fu la persona più anziana a morire nell’attentato.

McClenaghan afferma che per la sua famiglia, il memoriale rapresenta la “speranza”.

“Sento che siamo più vicini a scoprire la verità su quanto accadde quella sera.

“Quarant’anni sono una lunga lotta per qualsiasi campagna e stasera diamo alla gente un’energia rinnovata, cuore ed impegno per andare avanti fino a trovare la verità, per tutte le nostre famiglie”, ha aggiunto.

Alban Maginness, parlamentare dell’SDLP per la zona, ha detto che il memoriale del McGurk’s Bar è un’opportunità per le comunità di stare insieme.

“Questo riconosce il dolore e la sofferenza della gente patite 40 anni fa, e che è ancora qui.

“E’ importante che questo memoriale dia alla gente la speranza che dopo il dolore e la sofferenza possa arrivare qualcosa di buono e questa comunità alla fine può ritrovarsi unita, cattolici e protestanti”.