Oglach Marian Price
La prominente repubblicana Marian Price cercherà di utilizzare l’indulto ottenuto 30 anni fa anche per l’accusa collegata alle morti di due soldati britannici.

Un legale della repubblicana ha detto che una copia dell’indulto non è ancora stata ottenuta nonostante una richiesta scritta inviata al Northern Ireland Office.

La Price, conosciuta anche con il nome da sposata di Marian McGlinchey, è stata accusata di aver fornito un telefono cellulare per scopi terroristici.

L’accusa è legata agli omicidi dei genieri britannici Mark Quinsey e Patrick Azimkar, avvenuti a Massereene Barracks ad Antrim, nel marzo 2009.

I soldati furono colpiti a morte all’esterno della caserma, mentre ritiravano alcune pizze.

Per l’attacco dovranno comparire in aula prossimamente Colin Duffy e Brian Shivers.

Marian Price chiede di respingere il caso montato contro di lei, appellandosi ad un abuso processuale.

Si sostiene che la decisione di accusarla formalmente è legata alla decisione da parte del Segretario di Stato di revocare il precedente rilascio dalla prigione.

La Price è attualmente detenuta nell’infermeria della prigione maschile di Maghaberry.

Ieri – venerdì 4 agosto, Ndt – non si è presentata in aula presso il tribunale di Belfast all’udienza per fissare una data per discutere l’abuso processuale e il rinvio a giudizio.

Il suo avvocato Peter Corrigan ha detto alla Corte: “Come parte di tale applicazione avevamo scritto al NIO alla ricerca di una copia della grazia, conferita alla convenuta nel 1981.

“Ad oggi il NIO ancora non ha fornito quel documento importante, ed è fondamentale per noi per dimostrare l’abuso processuale”.

Secondo la difesa i termini dell’indulto coprono tutti i reati per i quali Marian Price è stata condannata nel 1974, ha aggiunto l’avvocato Corrigan.

I suoi legali stanno cercando di stabilire se il Segretario di Stato non aveva il potere di revocare la licenza di rilascio.

Il giudice ha sottolineato che tutto ciò che è necessario per istituire il dibattito dovrebbe essere fornito dalle autorità.