Marian Price portavoce 32 Csm e IrpwaE’ con profondo rammarico che l’IRPWA (Irish Republican Prisoners Welfare Association) chiama nuovamente a raccolta la famiglia repubblicana per supportare i nostri POW nella protesta contro la sfacciata ingiustizia del sistema carcerario in Irlanda.
L’IRPWA è stata incaricata dai prigionieri repubblicani di mostrare come e perché è stata avviata la protesta e per chiarire i fatti di questa protesta.
Una protesta è in corso nel braccio E3 di Portlaoise per la sospensione dei programmi di Rilascio Temporaneo (Temporary Release – TR) e del Rilascio Compassioonevole (Compassionate Release – CR). I prigionieri ritengono sia accaduto per le azioni dell’IRA nelle sei contee occupate, infatti il Servizio Carcerario Irlandese (Irish Prison Service) ha indicato così e molti dei loro portavoce hanno chiesto all’OC (Officer Commanding – Responsabile dei detenuti) se “Credono nel confine”!
La situazione si presenta come segue: due prigionieri repubblicani (Vinny Kelly e Justin McCarthy) stanno svolgendo una No Wash/Dirty Protest (Non si lavano e non si cambiano), e NON la Blanket Protest (dove il prigioniero resta in cella vestito solo di una coperta) come qualcuno ha suggerito. Ad intervalli i prigionieri repubblicani parteciperanno alla protesta fino a quando l’intero braccio protesterà, a questo punto la protesta si estenderà.
Il rappresentante del Servizio Prigioni Irlandese ed il Governatore hanno chiesto all’Officer Commanding di riconsiderare le posizioni dei prigionieri repubblicani in colloqui con il governo del Free State (la Repubblica d’Irlanda, NdT), l’unica concessione che i prigionieri sono disposti a fare in questa fase è quella di ritardare ulteriormente l’ingresso nella protesta di latri uomini per un breve periodo per dare loro la possibilità di risolvere il problema. E’ impressione dell’IRPWA che questa finestra di opportunità si sta chiudendo velocemente e chiediamo urgentemente al governo del Free State e dell’Irish Prison Service di ampliare gli sforzi per risolvere questa intollerabile situazione il più presto possibile.

Comunicato dai Prigionieri Repubblicani del braccio E3 all’Irish Prison Service

L’Irish Prison Service (IPS) comunica nella sua missione che uno degli obiettivi è di cercare di mantenere le relazioni tra i prigionieri e le loro famiglie. Questa è una delle ragioni per l’adozione del programma di Rilascio Temporaneo (Temporary Release – TR). Quando un prigioniero viene rilasciato le sue possibilità di ripristinare le normali relazioni familiari sono aumentate. Il programma aiutava i prigionieri a cercare un’abitazione, a ricevere il sussidio sociale e aiutava a promuovere la propria educazione una volta rilasciato.

Il processo per i prigionieri politici è sempre stato compassionevole riguardo al TR. Abbiamo sempre obbedito alle regole create a riguardo di questo genere di rilascio. Abbiamo sempre mantenuto l’integrità del nostro essere Prigionieri Repubblicani rientrando in tempo e non ci sono mai stati problemi. Riconosciamo l’importanza di queste uscite per il fatto che se vogliamo mantenere i legami familiari dobbiamo assistere a importanti eventi. In passato l’IPS ha permesso ai Prigionieri Repubblicani di partecipare ai funerali di familiari e dei nostri cari. Abbiamo ricevuto i permessi anche per importanti eventi religiosi quali battesimi, prime comunioni e cresime.

Tutto questo è stato recentemente interrotto senza alcuna spiegazione. Esempi includono il rifiuto del rilascio per partecipare alle prime comunioni dei figli e i funerali di parenti stretti. Una richiesta è stata presentata quando l’unica zia di un prigioniero repubblicano è morta ed il rifiuto è giunto dopo che il funerale era stato eseguito. Un’altra volta fu vietato ad un prigioniero di partecipare al funerale della madre dei suoi gemelli e gli fu vietato nuovamente di vedere la cresima dei figli otto mesi dopo la morte della loro madre.
Noi, i Prigionieri Repubblicani del braccio E3, non tollereremo questa sfrontata discriminazione e trattamento ingiusto. In seguito ai recenti eventi nelle sei contee questo trattamento ingiusto dei nostri prigionieri si è intensificato. Crediamo ci sia un collegamento diretto e fino a quando l’IPS ed il governatore della prigione di Portlaoise non faranno cessare queste persecuzioni e maltrattamenti di tutti i Prigionieri Repubblicani cominceremo la protesta. Non ci faremo usare per far leva tra i governi britannico ed irlandese.

Non ci faremo sconfiggere.