Jeffrey DonaldsonIl dibattito in corso sul referendum per il confine è l’opportunità di dimostrare forza e benefici dell’unione afferma l’importante politico del DUP.

Jeffrey Donaldson afferma che non c’è volontà della popolazione per l’Irlanda unita e chiede anche ai disaffezionati unionisti di entrare nell’Unionist Forum per indirizzare la crisi sulle bandiere.

Tuttavia, durante il suo intervento di giovedì ad un evento indetto dall’Orange Order, Donaldson non ha spiegato se il DUP acconsentirà alla richiesta dello Sinn Fein di un referendum.

Venerdì Gerry Adams ha lanciato la campagna dello Sinn Fein per il referendum sul confine che, nelle sue parole, sarebbe l’opportunità per illustrare i benefici di un’Irlanda unita.

Afferma Donaldson: “Il Forum Unionista è stato istituito recentemente e ingoraggio chiunque nella comunità unionista di partecipare nel modo in cui possono.

“Non importa se attraverso incontri come questo o in quelli indetti dal Forum, il messaggio deve esser «l’unionismo è forte insieme»”, prosegue il parlamentare.

“I partiti nazionalisti stanno offrendo un futuro che la gente, a prescindere dalla propria religione, semplicemente non vuole.

“Questa è l’occasione per un unionismo fiducioso e unito di presentare la nostra agenda di una pacifica Irlanda del Nord nel Regno Unito come il posto migliore per vivere.

“Ci sono quelli che si oppongono a qualsiasi riallineamento all’interno dell’unionismo a causa degli interessi acquisiti. Un unionismo unito non è un passo indietro o una cosa negativa, ma può essere una forza positiva trainante per portare l’Irlanda del Nord a cementare la nostra posizione costituzionale.

“Non dobbiamo dimenticare che, mentre alcuni partiti parlano di un futuro condiviso, c’è stato il leader dell’unionismo che ha fissato l’ordine del giorno per costruire un’Irlanda del Nord migliore. Quando Peter Robinson ha definito la visione per un’educazione condivisa e un maggior contenuto cattolico nell’ambito costituzionale, è stato attaccato e deriso da alcuni”.

Il parlamentare di Lagan Valley ha aggiunto: “Sono molti degli stessi ciritici che lo hanno attaccato che adesso mettono la propria faccia contro l’unione dell’unionismo. Chi ha più da temere da un unionismo forte e sicuro di sé sono spesso quelli che semplicemente non vogliono vedere l’Irlanda del Nord come parte dell’Unione”.