KAT - Kill All Taigs
La polizia di Belfast sta indagando sulla fotografia che ritrae una bambina di circa 5 anni con l’acronimo settario “KAT” (“Kill All Taigs”, Uccidere tutti i cattolici), dipinta sulla fronte.
 
La bambina ha una bandiera dell’Unione sulla guancia e “KAT” in blu, bianco e rosso dipinta sulla fronte. La fotografia, comparsa sui maggiori social network e sui siti Internet repubblicani, sarebbe stata scattata durante la notte dei bonfire (l’11 luglio) a North Belfast.

La scritta “KAT” (“Kill All Taigs” – Taigs è il termine dispregiativo usato dai lealisti per indicare i cattolici) o “ATAT” (“All Taigs Are Targets” – Tutti Taigs sono bersagli), appaiono di sovente nelle aree lealiste dell’Irlanda del Nord.

Un portavoce delle polizia nordirlandese ha spiegato: “La PSNI ha ricevuto un’informativa; verrà svolta un’inchiesta per stabilire se sono stati commessi reati”.

La madre del bambino non era presente alla festa quando si è verificato l’incidente. Ha detto all’Irish News che i bambini si stavano dipingendo a vicenda gli slogan sul volto.

Ha riferito al quotidiano di Belfast: “I bambini avevano i colori per il viso e li hanno utilizzati.

“Lo vedono spesso scritto sui muri della nostra zona.

“Ho amici e familiari provenienti da entrambi i lati della comunità.

“Non ero alla festa, quindi non sapevo cosa ci fosse scritto sul suo viso fino a quando non ho finito di lavorare.

“Se fossi stata lì i bambini non se le sarebbero fatte.

“È stata una cosa di bambini e lo si vede da come è stato scritto.

“Le ho chiesto cosa significasse e mi ha detto «Bacia e parla» (Kiss And Tell, Ndt) – lei non comprende”.

La madre ha aggiunto che i nonni della bambina hanno contratto un matrimonio misto. Ha aggiunto: “È una cosa vergognosa mettere questa foto sui siti repubblicani.

“La situazione è sfuggita di mano”.

Naomi Long, numero due di Alliance Party, ha detto di trovare le fotografie “assolutamente deprimenti e scioccanti” e sono “un triste indizio della nostra società”.

Ha detto che “esporre questa giovane ragazza a questa forma di settarismo e di odio è un abuso di minore.

“È già incredibile che qualcuno possa ritenere accettabile scrivere questo messaggio sul volto di una persona, figuriamoci su quello di una bambina.

“Purtroppo, non è un episodio isolato. Abbiamo già visto bambini vestiti in abiti paramilitari in posa con repliche di armi, per esempio”.

Questa non è la prima volta che il messaggio settario è venuto a galla nello scorso fine settimana, quando i lealisti nordirlandesi hanno celebrato la vittoria del re protestante Guglielmo d’Orange sul re cattolico Giacomo II nella battaglia del Boyne, nel 1690.

Su un falò in Anderson Crescent a Limavady, Derry, un enorme cartello esortava a “uccidere tutti i cattolici”. Era posizionato insieme ai manifesti elettorali dei consiglieri dello Sinn Féin Brenda Chivers e Rory Donaghey, e a quelli di Alex Attwood, SDLP. La polizia ha rimosso i manifesti prima che il bonfire venisse incendiato.