Il Traditional Unionist Voice ha chiesto scusa per la sua “puerilità” dopo aver rilasciato un comunicato dove descriveva l’Irlandese come “la lingua dei folletti (leprechaun)”

La prima versione del comunicato del TUVIl comunicato era stato rilasciato a nome del vice presidente del TUV Keith Harbinson e condannava il Ministero dell’Educazione per “buttare via” i soldi per l’irlandese.

Comunque, dopo essere stato distribuito ai mezzi di comunicazione, il comunicato stampa sul sito del partito è stato cambiato per rimuovere il termine.

Un portavoce ha detto alla BBC che le parole originali erano “un errore infantile”.

Il comunicato originale era intitolato “TUV Blast Leprechaun Language Waste” (Il TUV attacca lo spreco sul linguaggio dei folletti) e venne distribuito così ai mezzi di comunicazione.

La seconda versione del comunicato del TUVIn seguito è stato cambiato in “TUV Blast Irish Language Waste” (Il TUV attacca lo spreco sull’irlandese) quando il comunicato è stato inserito nel sito Internet del partito.

Il cambio è giunto dopo le discussioni riguardanti il comunicato originale sorte sul blog politico Slugger O’Toole.

La BBC è venuta a conoscenza che Harbinson, candidato per il TUV nelle elezioni suppletive di Dromore lo scorso anno, era dispiaciuto per l’utilizzo delle parole “lingua dei folletti”.

Sarebbero state aggiunte al comunicato stampa da un impiegato del partito.

Harbinson riferisce di voler chiedere scusa per qualsiasi offesa, assolutamente “non voluta”.

“Chiediamo scusa se abbiamo urtato la sensibilità”, ha detto.

“Davvero l’attenzione sulla descrizione della lingua irlandese sta sviando sulla questione fondamentale, ossia sul perché il ministro sta spendendo 47.000 sterline in traduzioni in irlandese”.

Il termine “lingua dei folletti” era famosto per essere stato utilizzato dall’attuale ministro delle Finanze Sammy Wilson durante un dibattito presso il Belfast City Council negli anni Ottanta.