stop and searchUn repubblicano di Derry ha asserito di essere tormentato dalla polizia dopo che la sua automobile è stata fermata e perquisita tre volte nell’arco di 24 ore.

L’uomo è membro del 32 County Sovereignty Movement (32CSM) e non vuole far conoscere le proprie generalità. Dichiara che la polizia osserva “costantemente” i suoi movimenti e teme per la sua incolumità.

“Vengo fermato e perquisito ovunque vada. Fra sabato sera e domenica sera sono stato fermato e perquisito tre volte ad Argyle Street, Strand Road e Westway. Ho tre figli ed ogni volta che vengo fermato la polizia toglie i sedili della mia familiare e comincia a perquisite”, ha detto l’uomo.

Dall’inizio dell’anno l’uomo ha affermato di essere stato fermato ben 16 volte, mostrando come prova i documenti forniti dagli agenti che compiono lo Stop & Search.

“Prosegue da mesi. Mi hanno fermato e perquisito 16 volte da gennaio. E’ costante. E’ così folle che il mio avvocato mi ha consigliato di tenere un registro dove segnare ogni perquisizione subita”, prosegue l’uomo.

Il repubblicano teme per la propria incolumità personale.

“La polizia pattuglia la mia abitazione in continuazione ed un vicino mi ha riferito di aver visto dei poliziotti scendere dall’autovettura e guardare attraverso la finestra. Sono stati visto fotografare l’esterno della mia abitazione. Sento che sta per succedere qualcosa e temo per la mia sicurezza. Potrebbero farmi diventare un obiettivo”, ha detto.

Un portavoce del 32 CSM ha affermato: “Ancora una volta notiamo che la RUC/PSNI non è cambiata e si comporta ancora come una forza di polizia coloniale il cui unico scopo è di perseguitare la gente di Derry e del resto delle Sei Contee”.

“Se qualcuno ha un caso da contestare sulle azioni della polizia – dice un portavoce della PSNI – può contattare il Police Ombudsman“.