Il portavoce del Republican Network for Unity, Martin Og Meehan, ha espresso profonda preoccupazione per l’aumento delle brutalità e delle molestie da parte della PSNI a North Belfast

PSNI | Polizia | PoliceAfferma Meehan: “La comunità repubblicana di Ardoyne ha sepolto con dignità l’ex prigioniero Peter «Skeet» Hamilton giovedì 3 marzo 2011. E’ stata la dimostrazione di una grande unità, testimoniata da migliaia di repubblicani che hanno pagato rispetto a Skeet ed alla sua famiglia.

Tuttavia a poche ore dal funerale, le truppe d’assalto della RUC/PSNI stavano attendendo fuori dalla veglia per Peter, insultando verbalmente alcuni repubblicani prima di attaccarli brutalmente ed arrestarli mentre cercavano di tornare a casa. I quattro repubblicani sono stati portati alla caserma di Lisburn e trattenuti l’intera notte prima di essere accusati di aggressione contro gli agenti che inizialmente li avevano colpiti senza alcuna ragione.

In una dichiarazione rilasciata ai mezzi di comunicazione la polizia britannica ha mentito spudoratamente dicendo di essere «intervenuta in uno scontro tra gruppi rivali ad Ardoyne» e di aver fermato quattro uomini. Il Republican Network for Unity respinge la versione della RUC/PSNI riguardante gli eventi, perché i pestaggi e gli arresti sono parte integrante della continuazione del ruolo britannico nella gestione della sicurezza nelle Sei Contee occupate.

La RNU condanna le tattiche usate dalla RUC/PSNI di restare subdolamente in attesa di persone che sono in lutto per la perdita di un compagno. Alla gente dovrebbe essere permesso di dire addio ad un compagno senza vedere la polizia politica. Il loro essere in agguato alla veglia per Skeet dimostra ancora una volta che la RUC/PSNI interferirà anche nella morte.

Meehan, amico di Skeet, conclude osservando come “nonostante le tattiche prepotenti (della PSNI, Ndt), il RNU continuerà a mostrare la vera natura di una polizia politica che è progettata per intimidire, mettere sotto silenzio e criminalizzare gli attivisti repubblicani e le comunità”.