Orange Order
Tutti i partecipanti alle manifestazioni di protesta per le bandiere sono stati invitati dall’Ulster People’s Forum (UPF) di inviare una richiesta di autorizzazione per la parata anche per andare in un negozio.

In base all’attuale legislazione, gli organizzatori devono inviare il modulo 11-1 alla Commissione Parate per qualsiasi manifestazione, sia essa contenziosa oppure no.

L’UPF afferma che la mossa segue le discussioni avviate negli ultimi giorni tra i gruppi aderenti alle proteste lealiste.

Durante un incontro avvenuto mercoledì sera a East Belfast, alcune persone hanno espresso preoccupazione per la gestione delle “processioni pubbliche” da parte della PSNI.

Hanno affermato che la polizia ha informato alcune delle persone arrestate che per processione si intende “due o più persone su una strada o un marciapiede che camminano con uno scopo comune”.

In un comunicato il presidente di UPF, John Wilson, ha affermato: “I gruppi hanno deciso di chiedere a tutti i protestanti di inviare i moduli 11-1 se devono recarsi da qualche parte, e assicurandosi che la PSNI sia a conoscenza di tutti i gruppi composti da più di 2 persone e abbiano visionato la notifica proveniente dalla Commissione Parate.

“La mossa obbligherà ad una rapida rivisitazione giudiziaria della legislazione che non definisce chiaramente quante persone o cosa costituisce una processione.

“Questo sistema potrebbe provocare scompiglio per la PSNI, lasciata in una posizione di dover effettivamente controllare ogni gruppo in movimento come se fosse una processione con i gruppi lealisti per i diritti civili che domandano alla polizia di prendere gli stessi provvedimenti adottati con i contestatori”.

Secondo Wilson questa mossa potrebbe portare all’invio quotidiano di centinaia di moduli 11-1 da tutta la provincia.

Questo obbligherà la Commissione Parate ad emettere centinaia di decisioni ogni settimana su processioni ridicole come, ad esempio, per una famiglia che si reca in un negozio a fare acquisti.