Le voci che indicano un maltrattamento dei prigionieri durante le perquisizioni delle loro celle vanno approfondite, dice il Prisoner Ombudsman

maghaberry prison - prigione di maghaberryPauline McCabe ha scritto al ministro per la Sicurezza Paul Goggins dopo dozzine di reclami contro lo Standby Search Team (SST – la squadra che si occupa delle perquisizioni) della prigione di Maghaberry.

Sarebbero circa 50 i reclami fatti negli ultimi 2 anni, ma nulla è mai cambiato.

McCabe ha detto che le investigazioni della polizia dovrebbero essere eseguite indipendentemente.

“Ventitre casi di Maghaberry sono stati riportati alla PSNI nel 2008/09, 18 sono stati sottoposti fin dal 17 ottobre 2008”, ha scritto McCabe nella lettera al ministro.

“Il Public Prosecution Service ha considerato otto di questi casi e, in linea con quanto sopra, ha deciso di non procedere con nessun caso.

“Credo che questo sia perché lo standard di prove richieste per appoggiare un’accusa non è disponibile dove un caso è imperniato sulla parola di un prigioniero contro tre, quattro o anche cinque agenti”.

L’Ombudsman ha detto che ulteriori accuse di cattiva condotta sono state fatte privatamente da alcuni elementi dello staff carcerario a proposito del comportamento di alcuni colleghi, ma secondo quanto riferito nessuna di queste accuse sono state ufficialmente accolte.

“Voglio mettere in rilievo che non intendo fare alcuna supposizione sull’accuratezza delle informizioni fornite dai prigionieri in relazione a particolare accuse”, ha aggiunto McCabe.

La Prisoner Ombudsman ha scritto: “E’, comunque, causa di grande frustrazione il fatto che i prigionieri avanzino questi argomenti, chiedendomi di investigare e non sono in grado di farlo perché i requisiti per la procedura di reclamo sono esauriti”.

Ma in un comunicato il Prison Service ha ribadito di aver già avviato una riconsiderazione del ruolo dell’SST a Maghaberry per assicurare che il lavoro sia portato a termine validamente.

Nel comunicato si legge: “Il ruolo principale dello Standby Search Team è di ricercare materiale illecito e di contrabbando, in particolare droghe.

“Ci sono purtroppo state morti causate dalla droga nella prigione e senza gli sforzi e la vigilanza dell’SST potenzialmente il numero sarebbe potuto aumentare.

“A causa del ruolo che rivestono non sorprende che i prigionieri possano reclamare contro i membri del gruppo.

“Tutti i reclami relativi ad aggressioni portate da membri dello staff contro un prigioniero sono immediatamente riportati alla PSNI”.