Marian Price McGlinchey

La prominente repubblicana Marian Price McGlinchey dovrà attendere fino al 2014 per scoprire se sarà incarcerata per attività terroristica

Marian Price è apparsa giovedì mattina sui banchi della Belfast Crown Court. È accusata di aver acquistato il telefono cellulare utilizzato dalla Real IRA per assumersi la responsabilità dell’attacco contro la caserma dell’esercito di Massereene Barracks ad Antrim, dove morirono due soldati inglesi.

La repubblicana ha anche ammesso di aver prestato aiuto durante la commemorazione della Rivolta di Pasqua avvenuta a Creggan nell’aprile 2011, dove è stata fotografata mentre tiene in mano il comunicato letto da un paramilitare a volto coperto.

L’avvocato della Corona, Terence Mooney, ha detto in aula: “Il ruolo dell’imputata in ognuno di questi casi appare essere coerente con quello di una persona che fa propaganda per conto o per promuovere organizzazioni terroristiche”.

L’avvocato difensore Frank O’Donoghue ha detto che Marian Price ha già scontato quattro anni di carcere dopo la revoca della sua licenza di rilascio anticipato, ritirata dal Segretario di Stato nel 2011.

Ha affermato che la McGlinchey è “cronicamente,fisicamente e forse mentalmente malata” e secondo l’avvocato la sua salute peggiorerebbe ulteriormente se fosse rimandata in carcere, aggiungendo che “la giustizia può essere servita” anche con una sospensione condizionale della pena.

Il giudice Gordon Kerr, ha detto a Marian Price McGlinchey di aver bisogno di tempo per riflettere sul caso e di voler comunicare la sentenza dopo il 7 gennaio 2014.

Rilasciandola nuovamente con la condizionale, il giudice ha affermato che non deve prendere questo fatto come un’indicazione della sentenza che comminerà il prossimo anno.