Marian Price, portavoce IRPWA durante una commemorazioneQuesta mattina il vice primo ministro del Nordirlanda Martin McGuinness ha dichiarato al programma di BBC Talkback che il governo irlandese si sarebbe regolarmente incontrato con le formazioni extraparlamentari repubblicane nel corso degli ultimi anni.

“Possono tranquillamente negarlo, ma alla fine non mi preoccupo. So cosa sta avvenendo”, ha affermato l’ex comandante della brigata Provisional IRA di Derry.

Proseguendo nel discorso ha anche ricordato che le stesse formazioni repubblicane sarebbero in contatto con gli emissari del governo britannico. In contrasto, di fatto, con quanto affermato domenica dal Segretario di Stato per l’Irlanda del Nord, Owen Paterson. Secondo cui il governo Tories non è intenzionato a discutere con i repubblicani.

Ma la smentita più importante giunge da Marian Price, segretaria nazionale del 32 County Sovereignty Movement.

“Non ci sono stati né ci sono attualmente contatti con i governi irlandese e britannico”, queste le parole asciutte e dirette pronunciate dalla Price ad un nostro collaboratore.
I repubblicani vanno dritti per la loro strada, seguendo la loro agenda per il raggiungimento dell’unità dell’Irlanda.

La Price ha anche illustrato brevemente i progressi per la risoluzione della situazione dei Pows a Maghaberry.

Tre mediatori, infatti, sarebbero al lavoro insieme ai Pows repubblicani per far cessare la Dirty Protest in corso da diverse settimane nel carcere di massima sicurezza.

“Faremo un annucio stasera. Stiamo andando verso la risoluzione della protesta a Maghaberry”, rivela la repubblicana.

Aggiungendo che “se questa sera la questione è risolta, verrà revocato il picchetto a favore dei Pows in programma per sabato a Derry”.

Picchetto che si tiene ogni sabato da un paio di anni in Shipquay Street, a poca distanza dal Diamond di Derry. Dove sabato si riuniranno migliaia di orangisti degli Apprentice Boys insieme ai componenti delle bande e ai loro sostenitori. Che, prima di marciare a Derry, saranno protagonisti di una parata per le vie di North Belfast dove i repubblicani del Greater Ardoyne Residents Collective hanno già fatto sapere che non sono i benvenuti.